Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Due cartelle esattoriali da 128 e 140 mila. Il caso denunciato alla Corte dei diritti dell’uomo

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Due cartelle esattoriali da pagare entro 5 giorni, la prima di 128 mila euro e dopo pochi giorni la seconda di 140 mila nonostante il ricorso in autotutela. Federcontribuenti: ”la pretesa da parte dell’Agenzia delle Entrate e Riscossione di pignorare al nostro assistito cardiopatico 1/6 della già esigua pensione viola non solo i principi costituzionali ma, anche il trattato UE art.3,co.3. Il caso denunciato alla Corte dei diritti dell’uomo”. Le pretese dello Stato italiano sono sempre giustificate?

Nel 2016, a causa di una grave patologia cardiologica fortemente debilitante, ”il nostro assistito si vede costretto a chiudere la P.IVA”. Subito dopo la cessazione della propria attività ha provveduto ad adempiere agli impegni assunti con gli ormai ex dipendenti e fornitori non riuscendo però, ad onorare le sempre più asfissianti richieste fiscali ed oneri tributari dello Stato italiano che si conferma, ancora una volta, noncurante del contesto economico e dello stato di salute dei propri cittadini. Un accanimento ingiusto nei confronti di un soggetto anziano e gravemente malato da parte dello Stato italiano nell’avanzare la richiesta di pignoramento di 1/6 della pensione, palesando la propria indifferenza nei confronti di un essere umano privo di beni utili al sostentamento proprio.

Questo contribuente in grave difficoltà è andato ad abitare presso un parente e la pensione che riceve non è sufficiente a far fronte alle esigenze quotidiane: ”uno Stato è sempre giustificato ad agire con tale freddezza nei confronti di un soggetto chiaramente fragile e bisognoso di aiuto?”. Sarà la Corte dei Diritti dell’Uomo a rispondere a questa domanda.

Perseguitare un essere umano che lotta per aver salva la vita inseguendo diagnosi, farmaci e che tenta di non morire di fame e di non far morire di fame chi, fino al giorno prima, lavorava assieme a lui è un comportamento inaccettabile da chiunque soprattutto da parte dello Stato che ha pagato fin quando ha potuto. L’AER arriva a pignorare la pensione perché non ci sono altri beni da pignorare a prova che questa persona è una persona sia dal punto di vista sociale, economico e psicofisica da aiutare e non per da mettere con le spalle al muro.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy