Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Criticato per aver svolto il proprio dovere: Il Fatto Quotidiano contro la Rai

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

images3Perchè un giornalista di Il Fatto Quotidiano si è preso la briga di deridere un suo collega della Rai? La firma di una testata libera contro la firma cui redazione è covo di famelici intrighi politici ed economici. Criticare un sistema è lecito, ma lo è altrettanto criticare chi lavora?

Dice Galella di Il Fatto Quotidiano: ” Lo Speciale del Tg 1, trasmesso in seconda serata, ha avuto un riscontro di share piuttosto basso, sotto il 7 %, lontano dalla media della rete e della fascia oraria. I numeri assoluti sono anche meno lusinghieri, circa 500 mila spettatori. Troppo pochi. ”

Si è anche preso la briga di vedere lo share, ma perchè? Possibile, considerato che fa specificatamente il nome del collega Rai, Francesco Brancatella, si tratti di una questione privata, magari di antipatia? Se fosse così, è etico, morale, gettare tutto in pasta all’opinione pubblica?

Continua Galella sullo speciale del TG1 dal titolo – Vite Normali – : ” Per essere veramente “speciali”, gli approfondimenti del Tg 1 dovrebbero avere l’umiltà di sperimentare nuove soluzioni, anziché ripetere per quanto raffinatamente quelle vecchie.”

A noi di Federcontribuenti, Brancatella, non ci ha nemmeno nominati nello Speciale andato in onda lo scorso 9 giugno e oggetto delle critiche, non siamo nemmeno fans del sistema Rai, ma, tanto meno lo siamo di queste critiche personali, di nessuna valenza sociale, inspiegabili. Nello speciale tra le altre storie c’era la quotidianità di una famiglia con in casa un malato di Sla, totalmente paralizzato e dove solo gli occhi sono vivi e movibili. Galella dice: ” …non c’è nulla di normale, ad esempio, nella storia di Andrea Zambon. Un uomo affetto da Sla, malattia invalidante e progressiva, che gli ha paralizzato quasi del tutto la muscolatura. Per comunicare con la famiglia e gli amici che lo circondano muove le palpebre, in maniera quasi impercettibile. Vediamo i tre figli – due femmine e un maschio – e la moglie seduti a un tavolo del salone della loro casa, con un letto su cui è sdraiato il padre. Nel ricordare gli episodi tratti dalla vita quotidiana, sorridono, sembrano quasi felici, come se avessero introiettato la straordinarietà, l’avessero addomesticata e resa mansueta, quindi spesso si rivolgono all’uomo dietro le loro spalle, e chiedono un suo parere circa questo e quello, come se potesse parlare. E dai piccoli movimenti degli occhi deducono le sue risposte. Sostenere il peso di un tale decadimento non ha niente di normale sapere che una persona cara sta perdendo l’uso della muscolatura fino al momento in cui, qualora lo si voglia tenere in vita, si sarà costretti a praticargli la respirazione artificiale, offende la normalità, che molti disprezzano e altri inseguono invano ”. Intanto, è di cattivo gusto interpretare lo stato d’animo di chi vive la normalità con un malato in casa, si può e si deve raccontarla come si presenta, sottolineando semmai la scarsa attenzione della classe politica per queste famiglie e non se hanno o meno

” addomesticato la straordinarietà ”. Inoltre, tra le storie della puntata, e che Galella non ha citato, la vicenda del testimone di giustizia, Pino Masciari; mai come oggi, in Italia abbiamo l’urgenza di raccontare, seguire e condividere simili messaggi, veri atti eroici. Insomma, per farla breve, mamma Rai ha tutte le pecche e i difetti tipici del conflitto di interesse, ha programmi scontati e banali come ogni altra redazione, ma, vogliamo dire a Galella: se si devono raccontare storie già raccontate è perchè chi le vive e subisce, come nel caso della famiglia Zambon, finisce poi davanti al ministero dell’Economia a rivendicare i propri diritti. Oppure, nel caso di Pino Masciari, molte vittime di mafia finiscono dimenticati, emarginati, lasciati soli contro i potenti demoni. Brancatella ha, infine, svolto quanto doveva, un lavoro serio, pulito, senza lacrime o piagnistei o opinioni non richieste. Questo fa un giornalista, raccontare senza pregiudizi ciò che vede. Qui il video dello Speciale TG1 afinchè possiate trarre voi le giuste considerazioni.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy