Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Imu, dilazioniamo il saldo

Multiproprieta

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

In ogni casa italiana, dove il reddito annuo non raggiunge i 16 mila euro, si pratica un culto, quello della fede e della speranza che tutta questa ingiustizia sociale, prima o poi finirà. Anche per questo motivo la casa principale dovrebbe essere del tutto esente dall’Imu.

Per il mese di dicembre il carico fiscale toccherà l’incredibile picco del 70% a famiglia.

La proposta è di chiedere una dilatazione del saldo Imu a 6 mesi e senza interessi, solo per chi possiede una sola casa di proprietà ed è in difficoltà economiche. Una proposta che si appella al buon senso e al buon gusto del ministro Grilli. Non si tratta di chiedere un favore, ma di esercitare un diritto, quello di non sopperire e di vivere dignitosamente senza venir, continuamente, prosciugati da imposizioni fiscali non al passo con lo sterminio della liquidità. Una dilatazione che potrebbe essere estesa ai piccoli imprenditori e commercianti. ” E’ tempo di fare una scelta, – precisa Paccagnella di Federcontribuenti, – continuare a tira la corda fin quando la stessa non si spezzerà, od iniziare a sperimentare politiche per il sociale. Iniziare a fare un distinguo serio tra diversi redditi”. La Federcontribuenti chiede anche di non assalire, con il riscossaggio, le famiglie, saranno molte, impossibilitate a saldare l’Imu nei tempi obbligati.

Al nord non superano i 16 mila euro di reddito una famiglia su dieci, al centro una su sei e al sud una famiglia su tre. Il 60% dei pensionati è sotto la soglia dei mille euro, il 40% non raggiunge le 600 euro. Invece, una famiglia su tre, da nord a sud, possiede una casa di proprietà. Una sola casa. Acquistata con un mutuo, data in dono dalla famiglia, ereditata. La casa principale, intesa come unica proprietà, non è un bene tassabile, non deve esserlo. L’Imu ha quadruplicato l’Ici. Se una famiglia, proprietaria di un bilocale pagava 100 euro di Ici, con l’Imu ne pagherà 400, detrazioni incluse. Le tredicesime non sono state detassate, aggiungendo il saldo Imu, dello stipendio resterà solo tanta amarezza e rabbia. Uno stipendio di 1.300 euro si ridurrà a circa 500 euro e sarà con questa somma rimasta che si pagheranno le bollette, l’idraulico se si rompe un tubo in casa, una pizza e tutto il resto. Una richiesta eccessiva quella del governo, quella di aver pazienza, che la fine del tunnel è vicina, che bisogna fare sacrifici. Non siamo in guerra e non siamo chiamati a salvare una Patria che di patriottico ha solo lo sventolio del tricolore.

 

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy