Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Si pensa alla morte in diretta pur di cambiare il sistema sanitario per i malati SLA

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

comitato 16 novembreAncora una volta i malati gravi sono costretti a tornare in piazza e in piazza a svelare la loro vita, i propri dolori, la propria ingiustizia.  Salvatore Usala, affetto da una forma gravissima di Sla, domani inizierà uno sciopero della fame e della sete ad oltranza, preferendo quindi, lasciarsi morire piuttosto che cedere al silenzio dello Stato. Il tutto avverrà sotto il Mef, assieme al comitato 16 Novembre, assieme a Pino Masciari e Marco Paccagnella rispettivamente presidente onorario e presidente nazionale della Federcontribuenti.

I chiamati in causa: la Lorenzin, Ministro della Salute; SaccomanniMinistro Economia e Finanza; GiovanniniMinistro Lavoro e Politiche Sociali. Abbiamo fatto numerosi incontri e tutti con un nulla di fatto. Il Sottosegretario Fadda dice che le nostre proposte sono fantascienza, tuttavia lo stesso è impegnato da 20 anni per lo sviluppo dell’assistenza domiciliare, lo stesso modello da noi proposto ”. Cosa chiederanno mai di tanto fantascientifico questi malati incurabili?

In Italia la sanità spende 18 miliardi di euro per finanziare le Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) e simili. Tale spesa è triplicata dal 2000 perchè è l’unica offerta che la maggior parte delle regioni offre. Da ricordare che le maggioranza delle RSA rimangono squallidi ospizi con iniqua occupazione, sottopagata spesso in nero, dirette da lobby legate alla politica locale e nazionale”.

Se si destina il 50% dei fondi alle famiglie che si riprendono in carico il paziente, si risparmiano 2,25 miliardi di euro. ” Il Comitato 16 Novembre ha realizzato un progetto preciso in ogni dettaglio, – spiegano Masciari e Paccagnella -, rispettoso delle leggi, con assoluta copertura finanziaria e grandi risparmi per lo Stato, questi cittadini vanno ascoltati, sono coloro che sulla propria pelle subiscono l’inganno lobbistico come l’ostruzione politica. Il loro piano prevede risparmi strutturali destinati ad aumentare nel tempo, occupazione stabile, rispetto della libertà e dignità del malato, garanzia di una assistenza domiciliare adeguata alle necessità e in grado di evitare ricoveri in reparti di rianimazione. Queste sono le vere parti sociali che devono poter essere ascoltate e valutate e non altre, costole di gruppi al potere.

Il programma del Comitato 16 Novembre

Presidio permanente, giorno e notte a partire dal 22 ottobre 2013.

Sciopero della fame in loco e almeno 60 malati gravissimi da casa: si fornirà elenco dettagliato.

Attuazione di una campagna mediatica senza precedenti: il rischio del morto in diretta è un richiamo formidabile, in particolare con malati in barella.

Se non bastasse, sciopero della sete con morte certa in 48 ore. Si ricorda che si parla di persone fragili, dipendenti da macchine vitali.

DALLE ORE 10,30 DEL 22 OTTOBRE 2013 SAREMO IN VIA XX SETTEMBRE 97, ROMA. DAVANTI AL MINISTERO DELL’ECONOMIA.

” I malati gravissimi non hanno lobby da difendere, interessi corporativi, chiediamo una vita dignitosa in famiglia. Vi chiediamo il coraggio di fare un servizio al Paese, di fare un po’ di pulizia nel marciume della sanità. Noi siamo risoluti, non abbiamo paura della morte, stavolta non andremo via senza risultati tangibili e concreti. ”

 

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy