Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Le famiglie affondano con le tasse occulte: il diario dalla trincea

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Copertina Panorama

Copertina Panorama

Abbiamo aiutato il settimanale Panorama, in edicola oggi, ha conteggiare le imposte dirette e indirette cui ogni giorno tutte le famiglie italiane subiscono.  Abbiamo preso in esame la famiglia di Nicola Dainese, (nostri associati),  funzionario di banca, guadagna 2.800 euro netti circa al mese, la moglie ha lasciato il lavoro per seguire le due figlie, una iscritta alla scuola elementare, l’altra alle medie. A fine 2012, il reddito lordo della famiglia padovana superava i 44mila euro. Ma c’è l’Irpef, l’imposta sul reddito delle persone fisiche, che al netto delle detrazioni, ammonta a 12mila euro. Archiviata la dichiarazione dei redditi ci sono i balzelli più infidi, nascosti nelle mille attività di ogni giorno.  750 euro per l’energia elettrica circa di cui  231 se ne vanno tra Iva e addizionale regionale.  Riscaldamento condominiale: le due voci insieme fanno altre 400 euro di Iva in 12 mesi. Ognuno nella sua macchina, Nicola al lavoro, Isabella accompagna le figlie a scuola. L’assicurazione è obbligatoria: su 856 euro, 107 sono di imposte. Altre 450 euro di bollo, tassa pura. Il carburante, e qui lo Stato bastona come nessuno al mondo: 2.200 euro di spesa in un anno di cui quasi 1.500 tra Iva e accise. Anna e Chiara non hanno un telefono cellulare, per una scelta precisa dei genitori di natura educativa e non economica. Ma la famiglia fa il suo dovere anche qui: 110 euro di Iva e tasse di concessione governativa su un totale bollette di 280 euro. Le stesse tasse che si pagano con l’abbonamento internet, per fare una ricerca sul web o spedire una email alle amiche dal computer di casa.

In tutto, tra Imu, bolli auto e imposte varie, fanno 18mila euro l’anno. Il 50 per cento in più rispetto a quanto pagato con la dichiarazione dei redditi. Un salasso per una famiglia di classe sociale ed economica medio-alta che taglia il possibile per arrivare alla fine del mese. Gli ultimi dati Istat confermano le conclusioni della case history: il potere d’acquisto delle famiglie è calato del 4,8 per cento nell’arco del 2012. Nicola Dainese ha 44 anni. È entrato in banca nel 1989, con uno stipendio di 1 milione 700 mila lire. Parecchio, all’epoca. Sommati a quelli che guadagnava la moglie, che faceva la programmatrice di computer, garantivano un alto tenore di vita. Tanto che Nicola aveva acquistato un’Audi e la moglie l’utilitaria, e insieme avevano comprato casa accendendo un mutuo. In estate tre settimane al mare di vacanza, e in inverno 10 giorni sulla neve in Alto Adige. Poi arriva Chiara, il 4 maggio 2000, Anna nasce il 4 maggio, stesso giorno del 2003. La madre Isabella passa al part time, poi lascia il lavoro per dedicarsi alle bambine. Col tempo, al posto dell’Audi appare una Passat station wagon di seconda mano. Sparisce la vacanza invernale, quella estiva si riduce a due settimane e non più in albergo, ma in bungalow dentro un campeggio. Chiara faceva danza classica, dove solo un saggio costava 200 euro. A malincuore i genitori l’hanno, come dire, indirizzata verso la ginnastica ritmica. Il Giornale

Quello che ci preme dimostrare è che tra carico fiscale e imposizione indiretta, ogni famiglia italiana, è costretta a versare allo Stato, circa il 65% di quanto guadagna, credete sia giusto?

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy