Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

A24 Strada dei ricchi . Il groviglio burocratico e i continui aumenti del pedaggio autostradale.

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

anasPercorrere 10 km di autostrada costa al cittadino oltre 1 euro.

La Federcontribuenti, dietro la spinta dei cittadini, studia l’azione legale capace di controvertere questi aumenti ingiustificati e sollecita una pacifica insorgenza civile.

 

Sulla A24, per il tratto Carsoli-Roma, ( 50km ) chiedono 5,40 euro creando rabbia tra i pendolari. Il tratto è gestito da Strada Dei Parchi (l’azienda che tiene la concessione della Roma- Aquila) e dice che l’incremento è dovuto ai nuovi investimenti ed è stato approvato dall’ANAS, la quale nega.

Scrive Strada dei Parchi: ” gli aumenti sono regolamentati nel contratto di Convenzione stipulato fra la scrivente e l’ ANAS a seguito dell’emanazione di uno specifico Decreto Interministeriale (Ministero delle Infrastrutture e dell’Economia) prot. 0000495 del 31.12.2012 ove i ricavi sono destinati al recupero degli investimenti già effettuati.

Invitano a leggere il comunicato stampa diffuso in occasione degli adeguamenti tariffari relativi al 2013” che spiega: Dal 1° gennaio 2013 nuove tariffe per A24 – A25 (+ 7,56%). In conformità al contratto di Convenzione stipulato con ANAS ed a quanto disposto dal Decreto Interministeriale n° 0000495 del 31 dicembre 2012, le tariffe di Strada dei Parchi S.p.A. subiscono un aumento del 7,56 %, quale adeguamento agli investimenti realizzati, al tasso d’inflazione programmato ed al parametro della qualità. I proventi dei pedaggi, come prescritto dalla Delibera CIPE n. 38/2007, sono destinati al recupero degli investimenti già effettuati o da effettuare che, nel primo quinquennio di gestione 2009-2013 ammontano a complessivi 520 milioni di euro. Per fare alcuni esempi, il pedaggio da Roma Est a l’Aquila Ovest aumenterà di 70 cent. di Euro; da Roma Est ad Avezzano il pedaggio aumenterà invece di 60 cent. di Euro. Le tariffe indicate sono comprensive del sovrapprezzo di competenza di ANAS (L. 102/2009) e dell’IVA, che incidono complessivamente per il 32% – 35%. Strada dei Parchi ha in gestione 166,5 km della A24 e 114,9 km della A25.

L’Anas per email risponde: comunichiamo che , in base all’art. 36 del D.L. n. 98/2011 convertito in Legge n. 11/2011 e s.m.i. e dell’art. 11, comma 5 del D.L. n. 216/2011 convertito in Legge n. 14/2012 e s.m.i. e dell’art. 12 comma 78 del D.L. 95/2012 convertito in Legge 135/2012, dal 1° ottobre 2012 le attività di concedente e quelle di vigilanza sulle concessionarie autostradali, per le autostrade a pedaggio, precedentemente esercitate dall’Anas SpA, sono state trasferite al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Quindi, a differenza di quanto evidenziato dalla società Strade dei Parchi S.p.A., specifichiamo che a partire dal 1° ottobre 2012 l’Anas SpA non si occupa più di approvare preventivamente gli incrementi tariffari per le autostrade a pedaggio poichè tale compito è stato demandato interamente al competente Dipartimento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Prima domanda: che senso ha avere da un lato una società pubblica che perde l’introito dei pedaggi ma con spese per il mantenimento della struttura e dall’altro società private che drenano fondi pubblici e aumentano i pedaggi? Il dato peggiore è la mancanza, per il cittadino, di tutela perchè il controllato è lo stesso controllore. Le interrogazioni al parlamento non mancano e non servono. Non resta quindi che subire?

La rete autostradale nazionale misura 6.500 km, di questi solo 900 li gestisce l’Anas e su 25 mila km di strade statali, solo 19. 851 km. L’unico socio dell’Anas è il ministero dell’Economia e delle Finanze. Il restante tratto stradale viene dato in concessione a società varie, spesso tra loco associate o partecipate con la stessa Anas.

 

L’Anas nel mondo è ovunque: Venezuela, Kenia, Russia, Libia, Algeria, ( si è aggiudicata nel 2008 la supervisione dei lavori di realizzazione del lotto Est dell’autostrada Est-Ovest di 399 km per un importo contrattuale di 88 milioni di euro. Il progetto è stato affidato dalla joint venture giapponese COJAAL nell’ottobre 2008 con previsione di ultimazione per il 2013 per un costo totale di quasi 3 miliardi di euro ), Albania, Macedonia e Bulgaria, Polonia, Serbia, Vietnam, Moldavia, Malesia, Iraq, Giappone, India. L’ultimo bilancio consultabile è del 2011:

Ricavi pari a 757.14 milioni, di cui;

  • 608.56 milioni da Sovrapprezzi sulle Tariffe Autostradali introdotti con Legge 102/09
  • 56.17 milioni da Canoni e Royalties autostradali
  • 50.77 milioni da Canone Annuo versato dalle concessionarie autostradali
  • 24.24 milioni da Licenze e Concessioni
  • 9.90 milioni da Pubblicità
  • 7.51 milioni da trasporti eccezionali

EBITDA di 177.5 milioni, EBIT di 34.95 milioni, utili per 8.20 milioni. Ha utilizzato fondi di competenza per un totale di 743.35 milioni a fronte di una disponibilità pari a 28.93 miliardi di euro. 1.36 miliardi i debiti verso banche, 343.16 milioni la posizione finanziaria netta, patrimonio netto di 2.71 miliardi. Il valore residuo delle autostrade gestite è pari a 4.61 miliardi, quello delle strade statali 6.70 miliardi, 6357 dipendenti. Ha effettuato interventi di manutenzione ordinaria per 231.45 milioni.

Tra le tante società partecipate segnaliamo:

Stretto di Messina S.p.A. – 81.484%

Quadrilatero Marche-Umbria S.p.A. – 75.12%

Autostrade del Lazio S.p.A. – 50,00%

Autostrade del Molise S.p.A. – 50,00%

Concessioni Autostradali Lombarde S.p.A. – 50,00%

Concessioni Autostradali Piemontesi S.p.A. – 50,00%

Concessioni Autostradali Venete S.p.A. – 50,00%

Autostrada Asti-Cuneo S.p.A. – 35%

Società Italiana per il Traforo del Monte Bianco S.p.A. – 32.125%

Società Italiana per il Traforo del Frejus S.p.A. – 31.746%

Consorzio Italiano Infrastrutture e Trasporti per l’Iraq – 40%

CAIE – Consorzio Autostrade Italiane Energia – 10%

Consorzio Italian Distribution Council – 6.67%

Consel S.c.a.r.l. – 1%.

Quest’ultima, la Consel S.c.a.r.l. società consortile a responsabilità limitata senza fini di lucro (non profit) che aderisce al Manifesto ELIS, fondata il 9 aprile 1992 da STET, Italcementi, Ericsson e Cedel – cooperativa sociale educativa ELIS e ampliatasi negli anni fino a raggiungere la composizione attuale è di impronta opussiana. 51 mila euro di capitale sociale e tra i soci:

Birra Peroni;

Eni Corporate University S.p.A.

Ericsson Telecomunicazioni S.p.A.

Italcementi – Fabbriche Riunite Cemento S.p.A.

Telecom Italia S.p.A.

Italtel S.p.A.

ANAS S.p.A.

Fastweb S.p.A.

Trenitalia S.p.A.

Vodafone

Wind

Poste Italiane S.p.A.

Alcatel – Lucent Italia S.p.A.

Consorzio MIP (Master Imprese – Politecnico)

SKY Italia S.r.l.

..e molte altre.

 

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy