Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Appello ai padovani. Aiutateci a trovare questo imprenditore

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Federcontribuenti, ”appello ai padovani. Aiutateci a trovare questo imprenditore che ci ha affidato la sua intenzione di farla finita”. Sei pagine scritte a mano ritrovate sotto la porta dell’ufficio del Presidente della Federcontribuenti, Marco Paccagnella: ”pubblichiamo uno stralcio affinché qualcuno possa riconoscere la calligrafia e aiutarci ad individuare questo imprenditore”.

E’ da giorni che rifletto, e per difendere la mia dignità la conclusione più ovvia è quella di togliere il disturbo. Si conclude così una lettera formata da 6 pagine scritte a mano e lasciate in una busta bianca sotto la porta della sede padovana della Federcontribuenti.

Io sono un lavoratore che da lavoro ad altri 10 padri di famiglia – inizia la lettera – per anni ho dovuto lavorare con tariffe imposte da società che stanno creando povertà. 11,75 euro per ogni ora di lavoro e con cui avrei dovuto pagare le buste paghe, gli f24, la banca, le materie prime e ricavarci anche un minimo di guadagno per sostenere la mia famiglia. Non ce l’ho più fatta e in questi giorni l’Agenzia delle Entrate mi ha pignorato il conto corrente, storia chiusa, non posso più lavorare, dare lavoro, pagare né tasse e né lavoratori. Ho parlato con avvocati, con i sindacalisti ho tentato di denunciare il ”cartello”, ma niente. Per tutti loro il cretino sono io. So che la notizia di un imprenditore che si è ammazzato perchè strozzato non fa più clamore, ma non farò calpestare anche la mia dignità, per questo tolgo il disturbo. Chiedo scusa ai miei lavoratori, chiedo scusa ai miei familiari e a Gesù Cristo, che mi possano perdonare. Firmato, un imprenditore di Padova.

”Facciamo appello a tutti quanti per condividere questa denuncia e tentare di risalire a questo imprenditore – dice Paccagnella -, magari qualcuno leggendo potrà riconoscere il dramma del propriò papà, marito, amico. A lui dico di contattarmi subito perchè non si è mai soli e perchè questa battaglia possiamo vincerla insieme”.

Solitamente alla Federcontribuenti giungono richieste di aiuto, ”ma questa lettera sembra più una macabra confessione, l’annuncio di un gesto che dobbiamo evitare”.

I suicidi in Veneto non sono mai diminuiti in questi ultimi anni: ” almeno sei al mese quelli che contiamo tra imprenditori in difficoltà”.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy