Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Conti online e mutui vantaggiosi, si può risparmiare fino a 70 mila euro

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Conti correnti, quelli online costano fino a 60 euro in meno l’anno. Federcontribuenti: ”i conti correnti online non hanno canone e molte hanno zero commissioni”. La banca del futuro non ha sportelli. Mutui, come difendersi dal pignoramento e utilizzare la surroga a proprio vantaggio

Non ci pensiamo quasi mai, ma un conto corrente classico può costare in media per una PMI fino a 500 euro l’anno: ”tra canone fisso, canone per la carta di credito e di debito più un euro a versamento, più il costo per ogni singolo assegno e quasi 4 euro a bonifico è facile raggiungere la cifra record di 500 euro di spesa bancaria l’anno”.

Anche sui mutui le banche online permettono di risparmiare in tassi fino a 70 mila euro per un mutuo trentennale di 220 mila euro.

E se non riuscissimo più a pagare il mutuo?

”Importantissimo è attivarsi subito, al primo segnale di difficoltà economica. Possiamo iniziare da una richiesta di sospensione delle rate per un certo periodo di tempo, fare una surroga a fronte di un risparmio sui tassi e sulla rata mensile o addirittura allungare il mutuo al fine di assottigliare la rata in linea con la nuova situazione economica del cittadino o lavoratore”.

Se si è già al pignoramento dell’immobile?

”Due le procedure possibili. Nel primo caso la banca potrà, dopo sette rate non pagate, avviare le pratiche di pignoramento. Oggi però è possibile al momento dell’ottenimento del mutuo, richiedere una clausola che autorizzi l’istituto di credito, dopo 18 mesi di rate non pagate, a vendere subito il bene a prezzi di mercato senza passare per l’asta giudiziaria. Questa clausola la si può firmare, in caso che il richiedente sia un imprenditore, anche durante la fase della procedura esecutiva. In questo modo si avrà la possibilità di vendere a prezzo di mercato e ricavarne un minimo di guadagno dopo aver estinto il debito”.

Con le nuove frontiere e con i nuovi strumenti è possibile abbattere i costi di un conto tradizionale ed ottenere mutui vantaggiosi e con maggiori garanzie in caso di problemi: ”il consiglio è di farsi assistere in ogni fase, dalla richiesta alla trattazione in caso di problemi”.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy