Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Cuneo fiscale. Stipendi più bassi del 2017 e Stato sempre più ricco per gettito IVA +4%

federcontribuenti-diritti-civili

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Ci sarà la riforma sul costo del lavoro sul tavolo dell’incauto governo nascente? Federcontribuenti: ”se M5s e Pd cercano un accordo lo trovino sulla necessità di rivedere il costo del lavoro in Italia e non giochiamo sui dati OCSE. Oltre all’Iva e alla tassazione dei redditi individuali ci sono i contributi sociali sia a carico dell’impresa che del dipendente”. Da inizio 2019 le imposte indirette, pari a 56.892 milioni di euro, sono aumentate di 1.040 milioni di euro (+1,9%). L’IVA si attesta a 35.618 milioni di euro (+1.377 milioni di euro, pari a +4,0%).

”Lo Stato guadagna sempre più”

Un operaio che guadagna al netto 23 mila euro l’anno costa all’azienda 49.445 euro con un cuneo fiscale che raggiunge il 52,9%. Altri lavoratori incassano addirittura solo il 43% di quanto pagato dall’azienda a causa del peso dei contributi Inail, detrazioni Irpef e da contributi a enti bilaterali. ”Ogni singolo lavoratore inquadrato sfama con il proprio lavoro e sudore una serie di corporazioni o voci spesa a lui estranei, dei veri parassiti”.

Costi alti e stipendi bassi.

Gli stipendi continuano ad aumentare solo per quelli che lavorano alla Presidenza del Consiglio dei Ministri: stipendio medio pari a 64.611, una crescita in due anni di ben il 12,1%. In diminuzione invece gli stipendi degli insegnanti, circa 28.440 in media, scesi dell’1,4%.

”Se a fronte dell’aumento del costo della vita non vi è un parallelo rialzo degli stipendi accade che, rispetto agli stipendi del 2017 quelli di oggi sono diminuiti. Se lo Stato incassa l’1,2% in più di entrate fiscali significa che a fronte di un aumento del costo della vita e dei servizi lo stipendio perde valore fino allo 1,5%”.

Mezzi di trasporto, tasse sulla casa e sulla macchina; costi del SSN; scuola ect.

Tutti servizi che aumentano di costo di anno in anno e che fanno perdere valore allo stipendio. ”Il il 95% dei lavoratori dipendenti di aziende private in Italia sono inquadrati come impiegati o operai e se si considerano gli stipendi netti, sforbiciati da contributi e imposte calcolando le 13 mensilità annue, lo stipendio mensile si attesta sulle 1.100 euro ai quali vanno tolte le spese fiscali e di prima necessità. Un lavoratore italiano guadagna in media 10.200 euro in meno di un tedesco, e 8.400 euro in meno di un francese. Quindi, prima di dire che dopotutto il costo del lavoro in Italia non è così alto prendete carta e penna ed eliminate da ogni misero stipendio tutte le voci di spesa”.

L’ultima considerazione.

Nel 2020 il digitale varrà 789 miliardi di euro e l’economia digitale rappresenterà il 4% dell’intero Pil del nostro continente e sapete quanto, forse, pagano di tasse? Un misero 9,5% contro il 23,2% medio di chi opera in business tradizionali. ”In tutto questo traffico di guadagni digitali intere economie tradizionali muoiono”.

Cosa fare?

”I costi sul lavoro si tagliano a monte. Basta vedere quanti Enti devi pagare per aprire una qualunque attività e che ti indebitano ancor prima di iniziare. Basta vedere quante voci fiscali devi togliere dai redditi per sostenere Enti che dovrebbero ridarti ristoro nei momenti di crisi ma che, grazie a mille cambi di statuto si trattengono i soldi senza dare nulla in cambio. Occorre usare una cesoia e non una forbice per tagliare le inutili 799 voci che compongono le detrazioni e che ci costano 313 miliardi di euro”. Il lavoratore deve tornare padrone del proprio reddito e non avere soci occulti.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy