Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Disabilità, si solleva la questione politica e l’imbarazzo dello Stato

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

marco paccagnellaNon abbiamo trovato straccio di un decreto che includa, nell’aprire una ditta individuale da parte di un disabile, la possibilità di ottenere agevolazioni fiscali sia sui contributi Inps e sia sugli Studi di Settore. Per il fisco un disabile può lavorare e pagare al 100%, previste agevolazioni solo se assunti, niente se indipendenti.

Ci fa piacere che la storia della signora disabile di Trento abbia sollevato un tale polverone, perchè ci da la possibilità di dire finalmente le cose come stanno, di entrare nel merito della faccenda che vede da un lato i disabili e le loro esigenze dimenticate e dall’altro uno Stato non in grado di fare chiarezza. È bastato portare a conoscenza dei media la storia della signora Alice per ricevere l’attenzione sia dell’Agenzia delle Entrate di Trento, sia di Equitalia. Gentili e cortesi si sono messi subito a disposizione per aiutare la signora, ma la domanda è: se la signora non si fosse rivolta alla Federcontribuenti, avrebbe avuto la stessa cortese disponibilità? Equitalia poi ha frainteso, tant’è che vorrebbe replicare, smentire che nei confronti della signora ci sia in atto una riscossione forzata. Nessuno ha mai parlato di vessazione, né la signora, né la nostra organizzazione. Nessun bene estorto, niente di niente. Si è solo parlato della difficoltà oggettiva della signora a pagare delle cartelle fuori dalla sua portata e condizioni fisiche e di come, l’Agenzia delle Entrate, non contempli, per un buco normativo, l’idea che una disabile possa aprire una partita Iva, iscriversi all’Inps ect.

Nell’approfondire la questione siamo balzati dalle sedie: né l’Istat e né il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha dati recenti sia sul numero dei disabili in Italia né sulla loro occupazione, tanto meno, abbiamo trovato straccio di un decreto che includa, nell’aprire una ditta individuale da parte di un disabile, la possibilità di ottenere agevolazioni fiscali sia sui contributi Inps e sia sugli Studi di Settore: insomma, per un disabile che non può lavorare al 100% non esiste in nessun dove una legge che gli dia la possibilità di pagare in base a quanto può lavorare. Ecco cosa è accaduto alla signora Alice e cosa accade a tante altre migliaia di persone disabili. Con una invalidità riconosciuta al 47%, con 3 operazioni alla schiena malconcia che poco gli permette di lavorare e che spesso la costringono a giornate passate sul letto. Secondo il World report on disability, il nostro Paese vede solo un 16% delle persone con disabilità occupate.

Le aziende hanno l’obbligo dietro incentivi di assumere i disabili ma, davanti alle migliaia di imprese che chiudono ogni santo giorno, dove manca l’occupazione per i soggetti sani, vogliamo aggiustare questa incredibile svista normativa? Pensate che, per ovviare, secondo indiscrezioni che mai potranno trovare ufficialità, per risolvere la questione legata agli studi di settore, un invalido che apre una ditta individuale, può dichiararsi lavoratore stagionale, come un maestro di sci, ma vi pare possibile? Insomma, la sterile replica di Equitalia poco ci interessa, il problema c’è e il buco normativo anche, a noi interessa proprio questo, che si faccia un decreto legge per agevolare chi, da disabile, ha comunque diritto di lavorare e quindi di aprirsi una ditta individuale. Ancora una volta dobbiamo sottolineare di come i rigidi calcoli e criteri utilizzati dagli studi di settore non contemplino non un solo imprevisto o problema cui è soggetto un lavoratore nel corso della propria vita. Parametri freddi come la morte.

Marco Paccagnella

Presidente di Federcontribuenti.

QUI IL VIDEO DEL TGR DI TRENTO CON IL SERVIZIO ALLA SIGNORA ALICE DAL MINUTO 5,20

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy