Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Equitalia: assolto due volte riceve cartella da 30 milioni di euro

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Un controllo disposto dalla Procura della Repubblica di Spoleto, due assoluzioni perchè il ”fatto non sussiste” e una cartella da 30 milioni di euro da Equitalia. Federcontribuenti: ”esempio concreto di cattiva gestione della giustizia. Lenta e slegata”.  Pietro era, nel 1995, titolare di 3 società per la Produzione, Trasformazione e Confezionamento e Commercializzazione di olio extra vergine d’oliva. Decide di chiedere un Contributo Comunitario che all’epoca esisteva sulla commercializzazione dell’olio.  Tutto bene fino a quando riceve un controllo: all’inizio la GdF sospettava un giro di fatture false e vendita fittizia. Due processi penali lo assolvono senza dubbio.

La questione fiscale.

All’epoca dei fatti, la GdF chiede autorizzazione al Procuratore incaricato per poter utilizzare i dati riscontrati per i fini penali anche per i fini fiscali/amministrativi. Autorizzazione concessa e a Pietro vengono notificati degli avvisi di accertamento da parte dell’allora Ufficio delle Imposte, ed IVA. Dimostrato in sede penale che i capi di imputazione non sussistevano perchè non si è fermata anche la procedura fiscale? A distanza di 20 anni, Equitalia invia a Pietro cartella pari a 30 milioni di euro, pignoramento presso azienda di 1/10 dello stipendio e presso la banca dove ha un conto da 25 anni. Scrive Pietro alla Federcontribuenti: ”è una situazione da cui non se ne viene più fuori e che ha distrutto completamente la mia Famiglia. Aiutatemi a denunciare l’accaduto prima che commetta un insulso gesto. Non devo nulla allo Stato, anzi, io sono il danneggiato”. L’ufficio legale della Federcontribuenti si naturalmente già mossa ma resta l’amaro commento: ”se per una sezione penale i reati contestati non sussistevano, perchè la macchina fiscale non è stata fermata?”

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy