Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Equitalia, requisiti per il dilazionamento straordinario parametri incongruenti

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

equuiEquitalia disattende e non ottempera nella maggior parte dei casi le misure previste dal decreto del Fare, rigettando le istanze per una rateizzazione straordinaria, su due.  Si è preso in esame l’istanza per una rateizzazione straordinaria di un assistito Federcontribuenti rigettata da Equitalia perchè, per l’agente della riscossione, questo imprenditore è troppo in difficoltà. 

Un imprenditore che chiede la possibilità di usufruire di un maggior dilazionamento per rientrare dai debiti contratti con il fisco deve dimostrare comprovate situazioni di difficoltà, che non vengono esaminate in sede di presentazione della domanda stessa. Cosa deve dimostrare un imprenditore in difficoltà con le 72 rate imposte da Equitalia?

Primo, il rapporto tra liquidità e passività correnti: la super rateizzazione prevede il calcolo tra liquidità correnti e differite, ( banca, cassa e crediti entro l’anno ), rapportato con le passività, ( debiti da pagare entro l’anno ). Tale indice deve essere compreso tra 0,50 e 1,00, significa che un imprenditore deve avere in tasca almeno i 50 centesimi su un euro richiesto da Equitalia.

C’è da dire che un imprenditore in difficoltà economica è un imprenditore con un deficit di liquidità, vale a dire che ha meno contante di quanto gli viene chiesto, stranamente Equitalia, davanti questo deficit di liquidità nega la rateizzazione straordinaria non ritenendo sicuro concedere maggior rate a chi è in crisi profonda e questo rende vana l’intenzione primaria del decreto ministeriale che voleva essere un aiuto davanti all’eccidio della piccola imprenditoria. In questo caso Equitalia si comporta come una banca e nega la fiducia ad una azienda condannandola al fallimento. Ma se un imprenditore è in difficoltà con le 72 rate, che senso ha negargli il dilazionamento straordinario? La risposta potrebbe essere una sola, Equitalia preferisce ”prelevare” prima ciò che resta invece di attendere ulteriori 10 anni.

Secondo parametro per ottenere i 120 mesi di rateazione. Il volume della produzione è individuato con tre voci del conto economico: A1 – Valore delle vendite e delle prestazioni, A3 – Lavori in corso su ordinazione e A5 – Altri ricavi e proventi. Si calcola l’importa e si divide per le ordinarie 72 rate e se queste rate superano il 10% del valore mensile viene riconosciuta la rateizzazione straordinaria. Se dobbiamo ricavare un utile del 10% del fatturato per pagare non il corrente ma il pregresso, creeremo ulteriori debiti e non uscendo mai piu da tale spirale debitoria che diverrebbe simile ad un buco nero. Concludendo, il decreto ministeriale pone alcune misure per permettere al contribuente di ripagare il debito ma lascia ad Equitalia la facoltà di accogliere o meno le istanze presentate, cosa che avviene puntualmente.

Conclude il presidente di Federcontribuenti, Paccagnella: «nel caso specifico, l’imprenditore nostro associato, all’atto della richiesta di rateazione fu convinto a fare le 72 rate in attesa del decreto attuativo per le 120. Ora questo imprenditore è in difficoltà perché non riesce ad onorare le 72 rate e gli si nega la dilazione straordinaria».

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy