Il malaffare politico ci costa 4 mila euro all’anno a testa

 

movimento italiaPerchè dovremmo immaginare una Italia dove non esista contribuente capace di fare la cresta all’Erario e sopportare la persistenza di fenomeni criminali tali da minare lo sforzo stesso dei contribuenti? Aumentano i crimini nei confronti dello Stato e precisiamolo, questi crimini sono quelli che concorrono alla rovina economica del Paese oltre che a rasentare una mega truffa nei confronti dei contribuenti stessi. Il danno calcolato è pari a 60 miliardi per le tangenti e quasi 2 per peculato con un costo a contribuente di circa 4 mila euro all’anno. 494 sono i consiglieri regionali coinvolti in una inchiesta giudiziaria per truffa, peculato o concussione in 15 regioni italiane. 393 solo indagati, 75 destinatari di una richiesta di rinvio a giudizio, 20 rinviati a giudizio, solo 6 condannati in primo grado. Poi abbiamo la carovana di funzionari di enti pubblici che svolgono attività in concorrenza o in conflitto con i compiti assegnati loro dallo Stato. Enti locali, Motorizzazione civile, Agenzia delle Entrate, Asl: migliaia i dipendenti con il doppio lavoro. Naturalmente i compensi sono in nero. Quello dei lavori Pubblici è il buco nero per eccellenza con un volume d’affari di 95 miliardi di euro, il 5,9% del pil. In questo settore troviamo 657 soggetti responsabili di turbata libertà degli incanti e frode delle pubbliche forniture. Le imprese, spesso nate per l’occasione, combinano tra loro i cartelli pilotando le gare e dietro le mazzette decidono l’assegnazione dell’opera pubblica. Stessa regola per le commissioni dello Stato. L’arma per combattere la crisi e l’obbligo di pareggio del bilancio non è quindi quella di massacrare i contribuenti ma rinforzare il codice penale. E che orrore quando Napolitano acclama la ”continuità ministeriale” quando proprio dal dentro il cuore funzionante dello Stato andrebbe adoperato il codice penale. Non sarà quindi un nuovo presidente del Consiglio a mutare tale marcio sistema ma un movimento tellurico nato e supportato dalla spinta sociale. Non servono tecnici, luminari, blasoni o curriculum magnifici, occorre solo agire sul sistema con poche, semplici e rapide mosse.  

 

1 commento su “Il malaffare politico ci costa 4 mila euro all’anno a testa”

  1. PER AVERE GENTE ONESTA OCCORRONO LEGGI SEVERE IN MATERIA DI CORRUZIONE, EVASIONE FISCALE ( QUELLA GRANDE ), FALSO IN BILANCIO ( CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE BANCHE ED ALLE SOCIETA’ QUOTATE IN BORSA ). SONO TRE LEGGI INDISPENSABILE AL NOSTRO PAESE CHE PERO’ NESSUNA FORZA POLITICA COMPRENSIBILMENTE METTE ALL’ORDINE DEL GIORNO.

Lascia un commento