Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Il 16 settembre a Montecitorio la rivolta dei professionisti contro le casse previdenziali

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Il prossimo 16 settembre alle ore 10 saranno i silenti e gli attivi della Enasarco a dare inizio alla pubblica protesta per il precario sistema previdenziale della Fondazione. Federcontribuenti: ”alle 13 la manifestazione si sposterà a piazza Montecitorio per continuare l’azione di protesta verso quelle istituzioni parlamentari, che pur a conoscenza della precaria situazione economica degli enti previdenziali non intervengono alle nostre sollecitazioni nonostante ne abbiano il dovere”. Sotto Montecitorio si uniranno altre categorie: ingegneri, avvocati, infermieri e farmacisti oltre al popolo delle P. IVA. La gestione previdenziale incide sulla pressione fiscale sia a livello generale dello Stato, sia nei confronti del singolo contribuente. Alla fine del 2018, le attività complessivamente detenute dalle casse previdenziali ammontavano a 87 miliardi di euro. Dal 2011 al 2018 tali attività sono cresciute complessivamente di 31,3 miliardi di euro, pari al 56,2 % tutto a carico dei lavoratori

Si scende in piazza perché il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, la Commissione di vigilanza sui fondi pensione, la Commissione Parlamentare di controllo sulle attività degli Enti Gestori di Forme Obbligatorie di Previdenza Commissione Parlamentare e la Corte dei Conti, ”che rappresentano in toto le autorità deputate alla vigilanza non vanno ad intervenire sui punti critici che generano ingiustizie e diseguaglianze”. Occorre costruire un sistema previdenziale inclusivo e solido, in grado di coniugare sostenibilità sociale e sostenibilità finanziaria, all’interno di un sistema economico che sappia guardare al futuro su basi più avanzate con speranza, coraggio e capacità di innovare. ”Se da un lato la raccolta per le casse previdenziali vede un aumento del 56,2% dall’altro assistiamo a contribuenti rimasti fuori dal diritto ad un assegno integrativo o con pensioni troppo inferiori rispetto a quanto hanno versato con i propri contributi, il punto è fare luce sulla gestione economica finanziaria delle casse previdenziali!”. Dopo quanto segnalato sulla ENASARCO molte altre categorie di lavoratori hanno chiesto aiuto alla Federcontibuenti: ”la precaria situazione economica dell’ente non garantisce il soddisfo di quanto versato, in integrazione pensionistica, secondo come previsto dagli art. 20-21-29 della Legge 613 del 1966. Gli ex agenti divenuti silenti, perché non si son visti riconoscere nessuna somma dall’Ente, hanno versato nelle casse di ENASARCO somme pari a circa 7 miliardi e 250 milioni di euro, sottraendole dai propri redditi familiari, con la prospettiva di una vecchiaia serena – scopo della previdenza integrativa -. Tali ingenti somme hanno contribuito al solo sostentamento dell’Ente ed in larga parte sono state destinate ai compensi dei componenti del CdA, ai dirigenti, agli impiegati e consulenti esterni atteso che nessun beneficio è derivato in favore dei soggetti contribuenti silenti”.

Si uniscono le categorie delle altre casse di previdenza.

Stefano Ticozzelli Dipartimento Federcontibuenti Enasarco: ” a Piazza Montecitorio alle ore 13 il Dipartimento Federcontribuenti si unirà al coordinamento delle altre Casse privatizzate per poi terminare con una conferenza stampa presso la sala del Senato Nassyria. A cosa serve mantenere in vita tutte queste casse di previdenza quando nessuna categoria ha certezza di un minimo pensionistico? Come vengono gestiti i soldi di noi lavoratori? Considerato che il 90% di tutte le pensioni erogate come dei bonus fiscali, le CIG e le forme assistenziali sono a carico dell’INPS! A Montecitorio troverete autonomi e il Popolo delle P.IVA, ma anche ingegneri, avvocati, farmacisti, infermieri tutti stanchi degli abusi da parte della cassa di riferimento”. L’appuntamento è per il 16 settembre a Roma a partire dalle ore 10 sotto la sede ENASARCO in via Antoniotto Usodimare 31.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy