Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

In 4 anni i danni da maltempo ammontano a 8 mld, ad oggi stanziati solo 740 mln. Nessuna manutenzione, stragi annunciate

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Conte promette subito un miliardo per i dissesti causati dall’ondata di maltempo e Salvini promette 40 miliardi per la messa in sicurezza dei territori. A settembre il Ministero dell’Ambiente decideva di stanziare fondi statali per opere contro il dissesto idrogeologico per venti milioni di euro assegnati solo a 4 regioni: Campania, Lazio, Umbria, Sicilia. Circa 660 mila euro a Regione. Federcontribuenti: ” da ottobre 2017 a marzo 2018 stanziati 60 milioni di euro per la messa in sicurezza dei territori. Come sono stati spesi? La ricostruzione ci costa miliardi di euro e poi non siamo capaci di investire in opere di manutenzione”. In 4 anni i danni da maltempo ammontano a 8 miliardi ma sono stati stanziati per la ricostruzione solo 740 milioni di euro.

L’80% di tutti i comuni di Italia, 1.190, ha un piano di emergenza comunale di Protezione Civile da mettere in atto in caso di frana o alluvione ma meno della metà dei comuni ha un piano aggiornato o volontari formati per un intervento preventivo o immediato al dissesto.

Nel 70% dei comuni italiani ”occorrono immediati piani di bonifica e manutenzione delle aree verdi e del letto dei fiumi gravemente inquinati e intasati da detriti sepolti da decenni. 8 milioni di cittadini sono quotidianamente esposti al pericolo di frane, esondazioni, inondazioni e crolli. 40 mila persone risultano ancora sfollate da precedenti dissesti. Questa Italia va rifondata fin dalle radici”.

”Le nostre città, i nostri piccoli comuni, i nostri fiumi, boschi aree verdi e campagne risultano abbandonate da anni e pur volendo incolpare un maltempo rivendicato come anomalo – a nostro dire un alibi – dobbiamo incolpare la nostra incapacità nel controllare come i soldi dei contribuenti – dati in gestione alle Regioni e ai vari Enti – vengono spesi sul territorio. I nostri fiumi non riescono a drenare l’acqua in eccesso perché per lunghi tratti sono letteralmente intasati, come i tombini che non permettono di raccogliere e smaltire le acque piovane. Vaste aree di campagna o boschive subisco lo svellimento perché nei sottosuoli sono presenti materiali inquinanti mai bonificati. Inutile incolpare la sfiga, si continua a mangiare troppo con gli stanziamenti pubblici”.

Fiumi da drenare, argini da costruire, territori da bonificare, verde pubblico da ripristinare e controllare. ”Abbiamo tanto di quel lavoro da dare che altro che reddito di cittadinanza. Ci sono in palio almeno un milioni di posti di lavoro a tempo determinato da assegnare in tutta Italia a costo zero, visto che andremmo poi a risparmiare nelle manutenzioni straordinarie o nei fondi per la ricostruzione”.

Conclude il presidente Marco Paccagnella della Federcontribuenti: ” A quando un vero piano di messa in sicurezza di tutto il nostro territorio? Dalla trasformazione in antisismico di tutti gli edifici pubblici e privati con una programmazione a lungo termine e con finanziamenti adeguati, come hanno fatto altri Stati tipo la Turchia; lavoro per le imprese e occupazione per almeno un decennio e con un ritorno importante nelle casse dello stato.

Naturalmente dovrà seguire subito l’abbattimento delle infrastrutture abusive, costruite nell’alveo dei corsi d’acqua e nelle aree soggette a frane o altro, perché prevenire ci evita l’emergenza che da sempre abbiamo in Italia dove si spende 10 volte di più per la sistemazione. Avremmo territori sicuri e un ritorno economico. Possiamo e dobbiamo diventare una nazione normale”.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy