Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Inail: l’assicurazione obbligatoria che copre sempre meno gli infortuni sul lavoro

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Inail, ( Istituto Nazionale Assicurazione contro gli Infortuni sul LAVORO ) è un ente pubblico sottoposto alla vigilanza del ministero del lavoro e delle politiche sociali. Il suo compito è quello di garantire rimborsi  al lavoratore infortunato. Da qualche tempo copre anche le malattie professionali. L’Inail è un’assicurazione obbligatoria, cioè, il datore di lavoro è obbligato a versare le quote annuali: 1000 – 1500 euro a dipendente.

Molte sono le segnalazioni che accusano l’ente di non rimborsare nessuna quota, nemmeno dinanzi a prove certificate di malattia o di infortunio. Un Tecnico di Radiologia nell’Ospedale di Milazzo lo scorso luglio ha subito un trauma alla colonna lombare evidenziata dalla risonanza magnetica. Subito ha iniziato la pratica di infortunio sul lavoro. La consulenza ortopedica gli assegnava 15 giorni di riposo e terapia, salvo complicazioni. Qualche giorno prima della scadenza dei 15 giorni d’infortunio, al controllo specialistico presso lo stesso ospedale dove è impiegato, dove si è infortunato e dove gli hanno fatto la prima diagnosi, gli viene prescritta una nuova cura e ulteriori 3 settimane di riposo. Pur munito del certificato medico e della documentazione prodotta dal pronto soccorso, durante la visita di controllo all’Inail, il medico preposto alla visita ha esordito chiedendo al signore di 64 anni come mai lavorasse ancora. Il punto è che il signore in questione non ha tutti i contributi versati, problema di molti lavoratori italiani. Per 20 anni ha lavorato presso  una struttura privata trovandosi alla fine con soli 4 anni e 2 mesi di contributi pagati. Il medico dell’Inail dopo una visita affrettata e senza tac o risonanze ha respinto la diagnosi specialista dell’ospedale di Milano definendo il signore in grado di lavorare. Niente rimborso. Tutti questi lavoratori difficilmente faranno ricorso contro questi abusi in quanto, gli stessi ricorsi, non solo costano troppo ma, difficilmente ottengono l’attenzione dovuta. Quando un lavoratore infortunato non riceve, per diritto, l’assistenza Inail deve mettersi in malattia perdendo ulteriori soldi dalla busta paga. È sempre la stessa storia, dietro lo scudo dello “stanare falsi infortunati” non si tutela la salute e si calpestano i diritti di migliaia di lavoratori. Migliaia le segnalazioni in questo senso, segno, che l’Inail resta un notevole peso economico per i contribuenti e i datori di lavoro senza garantire nessuna funzionalità ed utilità. Come per l’Inps così l’Inail: devono cessare di essere obbligatorie. L’obbligo per legge deve essere quello di garantire una adeguata pensione e copertura sugli infortuni sul lavoro e non sull’ente a cui versare soldi. Enti primitivi spesso covo di clientelismo e di scandali continui, un inutile aggravio economico per imprese e lavoratori cui solo compito e diritto risulta essere quello di pagare, tasse su tasse e servire una classe dirigenziale che inizia ad essere davvero insopportabile.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy