Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

La Orlandi propone ”sentenze pilota dalla Cassazione”per diminuire le liti tra contribuenti e fisco

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Contribuenti contro fisco, i nuovi processi iscritti a ruolo sono 232.992 per un valore delle liti per 32 miliardi di euro; un bel tesoretto per lo Stato. ”Stiamo lavorando con la Cassazione per avere sentenze pilota”: lo ha dichiarato il Direttore dell’Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi. Federcontribuenti: ”non ci sarebbero tanti processi se Stato ed Enti si muovessero dentro i confini leciti. Tra errori e abusi è questione di difendere lo Stato di Diritto e deve valere per i contribuenti lo stesso principio che vale per gli onorevoli, la presunzione di innocenza fino a prova contraria”.

È naturalmente interesse dell’AE rientrare dei 32 miliardi di euro che sono la somma delle liti pendenti ed è potere dell’Ente invitare la Cassazione ad arginare il fenomeno dei contenziosi ponendo fine alle troppe liti: chi ne trarrà vantaggio? Siccome nelle Commissioni le sentenze della Cassazione sono spesso vincolanti ai fini del giudizio, ”la dichiarazione della Orlandi diventa estremamente grave perchè sospetta”. Troppi tributi inevasi e troppi processi convincono il direttore dell’Agenzia delle Entrate e il presidente della Cassazione ad intervenire: ”quando Giovanni Canzio si lamenta degli arretrati, – un macigno da 50 mila cause -, va detto che nella stragrande maggioranza delle volte è proprio Equitalia con i suoi legali a ricorrervi come extrema ratio per ottenere una sentenza favorevole”.

In tutti i modi hanno cercato nel tempo di far diminuire le liti con il fisco fino ad alzare le spese per la difesa, ma mai ”hanno cercato di capire perchè il 90% degli italiani è caduta vittima del fisco’‘.

La Orlandi dovrebbe ”preoccuparsi di invitare il suo primo interlocutore – il MEF – a fare chiarezza sul sistema fiscale in Italia e poi pretendere un equo allineamento dalla Cassazione con sentenze che siano in linea con i principi contenuti nel codice civile, penale e nello Statuto del Contribuente, altrimenti, – conclude Paccagnella di Federcontribuenti – , il rischio è di un ulteriore abuso nei confronti dei contribuenti”.

Frode fiscale ed evasione fiscale sono argomenti che a distanza di 20 restano attualissimi e lo resteranno fin quando al governo penseranno di ”salvare l’uovo e non la gallina” perchè nel corso di questi anni la platea dei contribuenti paganti è sensibilmente diminuita perchè diminuiti sono i posti di lavoro, quindi i redditi: ”cosa c’è di difficile da capire?”.

Di questo si è parlato anche presso il C.commerciale la Casetta Mattei a Roma, presente anche la senatrice Cinzia Bonfrisco nota per le sue battaglie contro le ingiustizie sociali maturate all’interno di una legislazione lacunosa e imbrattata di paletti inutili.

Altri centri commerciali si sono fatti avanti offrendo uno spazio da adibire a Polo del Contribuente: ”anche i direttori commerciali hanno compreso che, per far crescere i bilanci e mantenere in vita i commercianti, occorre dare ai consumatori, contribuenti e piccoli imprenditori modo di tutelarsi ricevendo tutte le informazioni e i consigli utili ad uscire dall’ingranaggio fiscale e bancario”.

Pensionati e dipendenti difficilmente cadono preda del fisco, taglieggiati come sono a monte, l’emergenza restano i titolari delle piccole imprese che, cadendo vittime del debito fiscale, si vedono chiudere ogni possibilità di lavorare per risanare la situazione economica oltre a vedersi ulteriormente aggredire dalle banche che fiutano come belve l’odore del sangue.

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy