Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Lavoratori sabotati lasciati soli sull’orlo del baratro

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

pescatoriChiunque determina altri al suicidio o rafforza l’altrui proposito di suicidio, ovvero ne agevola in qualsiasi modo l’esecuzione, è punito: art. 580 c.p.  Oltre che con un’azione, la determinazione ed il rafforzamento del proposito di suicidio può commettersi anche attraverso un’omissione.

I venti pescatori di Chioggia, dopo l’aver manifestato l’ingiustizia subita inscenando un funerale, dopo essersi incatenati alla base della colonna del leone in piazza San Marco a Venezia, dopo aver cercato in ogni modo un contatto con le istituzioni, denunciano l’omissione delle stesse. Le perizie presentate nei mesi scorsi agli enti competenti parlano chiaro, la moria di vongole è dovuta ai lavori di scavo compiuti in laguna nei mesi di giugno, luglio e agosto dello scorso anno. I pescatori sono parte lesa, ma, né dal magistrato alle acque né dalla Provincia è arrivato nessun cenno per eventuali risarcimenti o almeno una moratoria sui canoni di concessione del braccio di laguna danneggiato. Se entro il prossimo 4 aprile i pescatori non verseranno alle banche i canoni si vedranno raggiunti da azioni di riscossione forzata. Lo Stato, rappresentato dalla Provincia di Venezia e dalla Regione, da una parte causa dei guai di questi pescatori e dall’altra chiamate a rappresentare diritti e tutela di questi lavoratori danneggiati, sembrano sorde alle istanze dei lavoratori del mare. Marco Paccagnella, presidente nazionale Federcontribuenti – tutti i tentativi per avere un incontro con le istituzioni coinvolte al fine di risolvere concretamente questa ingiustizia sono stati inutili. Queste persone son state sabotate, eppure, nessuna voce istituzionale si è levata in loro difesa. Parliamo con loro quotidianamente e dalla rabbia in molti son passati alla disperazione temendo di perdere quel poco che hanno, un tetto sulla testa. Gli vien chiesto di pagare per qualcosa che non hanno più, un lavoro. Facciamo presente che se ci fosse uno dei pescatori che si toglie la vita perché ha perso tutto, riterremo responsabili in base art 580 del c.p. tutti gli organi competenti che pur potendo e dovendo hanno omesso qualsiasi intervento riparatore. Chiediamo l’immediata sospensione della escussione delle fideiussioni fatte presentare a garanzia delle concessioni diventate inservibili. E l’apertura urgente di un tavolo di confronto che prosegua ad oltranza fino alla risoluzione e ripresa della produzione dei molluschi di cui vivono le 70 famiglie.

IL VIDEO

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy