Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

L’Europa perdona gli evasori che non dichiarano beni all’estero

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Federcontribuenti tour aziende

Da gennaio ad agosto sono stati scoperti solo 4.933 evasori totali dalle Fiamme Gialle e solo 1.771 sono stati denunciati e i 17 miliardi di euro sottratti al fisco sono una stima di ipotetici redditi. Un fallimento totale quindi i mille interventi urgenti, i proclami, la caccia alle streghe messa in atto. Non ci interessa un cambio di direttore di orchestra, mossa speculativa ed inutile, vogliamo cambiare musica, spartito, suonatori.

Chiediamo di inserire la categoria degli artigiani tra i lavori a rischio di estinzione e di attuare quindi tutte quelle procedure necessarie alla salvaguardia della specie. Una tregua fiscale di soli 10 giorni, dal 9 al 20 di agosto: una valanga di 268 scadenze fiscali a partire da oggi. Intanto attendiamo le decisioni sull’Imu e sulla Tares.

«La battaglia per la salvaguardia delle imprese, per la categoria per noi più preziosa, quella artigiana, come la battaglia in favore dei piccoli commercianti come anche dei singoli contribuenti, vede ben pochi seguaci. Si dice che il sazio non crede al digiuno! Noi non stiamo chiedendo, non stiamo indicando la strada ai governanti, – insiste Paccagnella di Federcontribuenti, – noi stiamo denunciando il rischio elevato e per nulla scongiurato dovuta ad una globalizzazione senza regole che sta distruggendo la nostra identità, la nostra economia, la nostra antica arte manufatturiera». La Pubblica Amministrazione è la sola imputata in questo processo contro la devastazione dell’economia italiana. Ritenuta una pluriomicida sta, attraverso decreti legge assurdi, mancanza di trasparenza e legalità, continuamente assassinando aziende, imprenditori, soprattutto artigiani e agricoltori. Ogni azienda che chiude produce un danno allo Stato in termini di Erario e di occupazione pari ad una perdita annua intorno ai 30, 40 mila euro. Si chiede loro di dare più di quanto guadagnano privandoli del 70% dell’utile. Un governo intelligente sarebbe intervenuto con mano ferma e decisa, invece si continua a fare gli indiani e ad inventare assurdità come gli incentivi alle start up, che non sono altro che prestiti mascherati o come gli incentivi a chi assume giovani o disagiati quando non si fa nulla per permettere alle aziende di non chiudere e di assumere. La prima cosa da fare è di eliminare l’Irap, smettere di beneficiare le banche con fondi pubblici senza prima averle obbligate a concedere prestiti e mutui a tassi vantaggiosi. Regolarizzare i canali di distribuzione mondiale preferendo i prodotti locali con una percentuale pari al 70%, intervenire sulle cooperative che stanno speculando da anni sulla nostra produzione, soprattutto agricola. Abrogare il 45% delle mille voci che compongono la nostra agenda fiscale preferendo un importo fiscale fisso e inferiore al 50% dell’utile al netto. Riconquistare dapprima il nostro mercato dall’interno, infine, imporlo come lo era un tempo, sovrana dei prodotti mondiali. Abbiamo le materie prime e la capacità per fare tutto questo, a patto, si agisca con decisione contro gli speculatori e i devastatori. Infine, «che qualcuno ci spieghi a cosa serva il Decreto del Fare quando non si è voluto intervenire, per quanto riguarda il sistema della riscossione, negli avvisibonari. Se si fossero concesse dilazioni più ampie in questa fase i contribuenti, che dichiarano ma non pagano perché non hanno soldi, avrebbero avuto la possibilità di rientrare senza traumi. Mentre, con il decreto, se è vero che la dilatazione sarà molto più lunga è anche vero che avrà un costo, per i contribuenti, altissimo tra aggio e interessi. Continuiamo a regalare soldi a chi, di soldi e potere, ne ha fin troppo, fino a creare gravi sospetti». Non finisce qui, il parlamento europeo ha ratificato il 31 luglio scorso la modifica della normativa sul monitoraggio fiscale riducendo le sanzioni per chi non dichiara nel quadro RW di Unico attività e beni detenuti all’esteroe prevedendo una semplificazione degli obblighi dichiarativi. La misura della penalità non è più compresa tra il 10 e il 50% del valore delle attività non dichiarate bensì tra il 3 al 15% e non sarà più possibile disporre la confisca di tali beni. Inoltre,in caso di ravvedimento entro i 90 giorni sarà applicata la sola sanzione di 258 euro. A chi appellarsi quando ogni organo preposto funziona al contrario? «Chi lo scorso 14 agosto era con noi in tour tra le aziende e non in vacanza, – conclude il presidente Paccagnella –, ha potuto vedere con gli occhi cosa, il loro fare politica clientelare, ha prodotto: una moria di aziende che non solo non daranno più lavoro, non solo non daranno più un euro al fisco, ma contribuiranno a creare nuovi poveri: un deserto che avanza senza ostacoli».

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy