Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

L’Inps minaccia le pensioni? Parte l’esposto per procurato allarme

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

L’istituzione ha come compito di garantire la conservazione e l’attuazione di norme giuridiche stabilite tra il contribuente e lo Stato per sottrarre, i primi, all’arbitrio individuale e all’arbitrio del potere in generale. Per questo motivo il presidente della Federcontribuenti, Marco Paccagnella, ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica presso il tribunale di Padova, tramite la stazione dei carabinieri di Albignasego in ordine al comportamento tenuto dall’Inps nei confronti di milioni di piccoli pensionati. Riteniamo che la predetta condotta riconducibile agli organi dirigenziali di INPS possa configurare astrattamente la contravvenzione prevista dalla norma di cui all’art. 656 c.p.. E’ evidente, infatti, che il totale dispregio dimostrato da parte dell’INPS in ordine alle conseguenze della propria iniziativa rispetto alla tranquillità ed alla legittima aspettativa dei propri assistiti in ordine alla prosecuzione del trattamento pensionistico del quale sono titolari. Va segnalato, infatti, che l’INPS ha rivolto la propria richiesta di integrazione della documentazione anche e soprattutto a decine di migliaia di soggetti i quali avevano già perfettamente adempiuto a quanto richiesto, inviando tempestivamente la documentazione richiesta. Di ciò si è avuta conferma diretta da parte dei nostri uffici i quali sono stati subissati di telefonate disperate di soggetti i quali lamentavano, per l’appunto, di aver adempiuto tempestivamente a quanto previsto Ne consegue con tutta evidenza lo stupore e l’apprensione con la quale i destinatari della comunicazione hanno appreso la notizia che i propri trattamenti pensionistici sarebbero a rischio di sospensione immediata e questo nonostante, lo si ribadisce, gli stessi avessero perfettamente adempiuto, con largo anticipo a quanto richiesto. A nostro parere l’INPS avrebbe ben potuto ed anzi dovuto verificare preventivamente se il proprio assistito avesse o meno adempiuto al proprio dovere e solo in caso negativo, proceder con l’intimazione. Diversamente comportandosi l’INPS ha gettato nello sconforto e nella paura decine di migliaia di pensionati in tutto il paese, in tal modo concretando il reato sopra evidenziato ”.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy