Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Masciari torna in Calabria: basta mafia, basta ritorsioni

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

pino masciariLa concessione di un appalto pubblico dietro il compenso del 5%. Il 3% al politico e il 2% al clan. Quando l’imprenditore afferma che quel 5% è il guadagno con cui dovrebbe vivere e pagare anche le tasse, viene rassicurato: loro sono ovunque e non avrà noie con il fisco italiano. Nessun controllo neanche sul cantiere. All’imprenditore non resta che decidere: denunciare o sottomettersi.

Lo sa bene l’Antimafia, la criminalità organizzata occupa il 70% dello Stato: su 100 uomini, 70, sono referenti mafiosi e ogni 100 euro, 70 se li prende il clan di turno. Non parliamo esclusivamente del governo centrale, ma di regioni, province, comuni. Prediligono, i mafiosi, le aree dove maggiormente si concentrano gli stanziamenti pubblici ed europei. Le grandi aree da bonificare, da ricostruire, o da riqualificare come tutto il meridione; o da gestire come l’intero settentrione. Il Patto tra Stato e Mafia, dove per Stato intendiamo gli uomini ai vertici dei più grandi gruppi finanziari, istituzionali e appartanti di sette storiche, ha contaminato larghi settori della magistratura, della politica, delle istituzioni e degli istituti bancari, dando vita ad un fenomeno di elevatissima pericolosità e allarme sociale, il cui fine è quello di arricchirsi indebitamente, fare carriera negli apparati della burocrazia statale e attingere, consenso, protezione, scambio di favori e illeciti vantaggi.

Pino Masciari, portavoce di tutti coloro che hanno denunciato ‘ndrangheta, mafia o camorra dopo 16 anni e un esilio forzato, rientra in Calabria.

Masciari, sotto protezione, è tutt’ora aggredito dagli enti fiscali. Una storia giudiziaria senza fine la sua, perchè in Italia, i processi contro le mafie, hanno ricevuto una battuta di arresto, si son fatti più lunghi e più difficili e la certezza del reato come della pena fa da deterrente per chiunque voglia denunciare. Ci sono tanti tipi di ritorsioni, ebbene, questo illogico accanimento fiscale a danno di Masciari sembra proprio una ritorsione. Masciari ha fatto arrestare ‘ndraghettisti, un giudice presidente di tribunale, più altri 2 giudici ordinari per favoreggiamento e concussione. È questa la sua colpa? Stanco di attendere è tornato nella terra dove la mafia e uno Stato ingrato lo hanno cacciato e minaccia di iniziare uno sciopero della fame se il ministro Alfano non interverrà in suo favore e in favore di tutti quegli onesti cittadini che alla mafia hanno detto con coraggio di no. A Vibo anche il presidente della Federcontribuenti, Paccagnella: ” un cittadino che ha dato tutto allo Stato e alla società civile, in termini umani ed economici, non può continuare ad essere punito per la sua scelta di legalità. Verrebbe meno l’esempio e l’immagine di uno Stato impegnato nella lotta alla criminalità organizzata, che così tanti poteri ha sul nostro territorio”.

Ancora una volta, a fronte delle inadempienze dello Stato Pino è costretto a mettere a rischio la sua stessa vita recandosi in Calabria. Le sue imprese, che impiegavano centinaia di operai, sono fallite, la sua vita, quella di sua moglie e i suoi figli, sono state sconvolte. Silvio Carbone, responsabile Federcontribuenti Calabria: ”La quotidianità abitua sempre di più i nostri occhi ad ogni forma di ingiustizia e violenza. Ha trasformato l’anormalità in normalità. Ne è un esempio la storia del nostro Amico e Testimone di Giustizia Masciaricostretto ancora oggi e ancora una volta a difendersi dallo Stato, quello stesso Stato che avrebbe dovuto proteggerlo e garantirgli la possibilità di ricostruire la sua vita. Masciari ha dato tutto per la sua terra, in nome della libertà e della giustizia. Noi non vogliamo lasciarlo in un angolo, come per anni ha fatto lo Stato, noi siamo con Pino”. 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy