Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Quando la follia diventa la regola

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

anti crisiQuando una banca commette un terribile errore nei confronti di un suo correntista compromettendogli la vita, cosa succede? È battaglia legale, ma a che prezzo? Davanti all’evidente errore nessuno può obbligare la banca a prendersi le sue responsabilità e la difesa contro il sopruso ha costi spaventosi. Questa è la storia del sig Franco Piazzi ed inizia nel 2006 quando si presenta in banca per chiudere il conto corrente cointestato con la ex compagna; ne apre uno personale con spostamento sia di debiti che di crediti; per negligenza degli impiegati bancari, sembra che la procedura non si sia conclusa in maniera corretta. A questo punto il conto corrente vecchio rimane attivo ad insaputa del correntista; la banca mette a sofferenza il vecchio conto che non doveva più esistere, riconoscendo l’errore ma non volendolo rimediare. Nel frattempo, al sig Piazzi oltre al problema con la banca nascono i problemi legati alla crisi economica. A questo punto abbiamo un vecchio conto che credeva chiuso in sofferenza, un mutuo sul nuovo da coprire e una situazione familiare conflittuale e piena di ombre. A luglio 2008 il sig. Piazzi non riesce ad ottenere la sospensione del mutuo e la banca decide di passare all’esecuzione immobiliare; l’avv. della banca incontra il correntista, secondo il legale alla banca non interessano i suoi problemi anche se il tutto nasce da un errore della banca stessa. La banca dopo un po’ commette un altro sbaglio: prima della vendita all’asta si abbatte un nubifragio che scoperchia l’immobile ma che la banca non copre. Il danno è pari a euro 39 mila: danno pagato poi dal sig. Piazzi. L’immobile doveva essere obbligatoriamente coperto dall’assicurazione della banca mutuataria la quale risponde al Tribunale Immobiliare che si sono dimenticati l’attivazione. L’immobile va all’asta: 3 appartamenti per un totale mq 450 su circa 3000 mq di terreno con una stima reale di 400/500 mila € venduta per € 47.000,00.

Il sig. Franco Piazzi, residente a Porta Maggiore, (FE), ha 3 figli di 24, 13 e 12 anni. La sua ex compagna di punto in bianco ha deciso di non curarsi più della famiglia, minori compresi e si vota ad un gruppo di religiosi della zona. Il marito tenta di salvare l’unione familiare, ma nel 2007 lei se ne va e dichiara di non voler più tornare, però si porta le minori senza preavviso; si scopre poi che le tiene sotto sequestro rinchiuse in casa di una signora. Le liti in strada tra i due richiamano l’attenzione dei servizi sociali. Oggi le due minorenni sono in una casa famiglia, tenute lontane da ogni contatto paterno, mentre il maggiore vive con il papà. Gli eventi si susseguono a ritmi frenetici, il tutto avviene in sequenza lucida e spietata. Il sig Piazzi non ha né tempo, né mezzi, né la fermezza per difendersi né dalla banca e né dalla situazione familiare. Un uomo perde tutto nel giro di pochi mesi. La cultura della difesa legale non fa ancora parte della società civile convinta ancora che se si ha ragione nulla può negare il corso della giustizia. È anche vero che i costi della giustizia sono fuori portata per la maggior parte dei cittadini, i tempi per ricorrere sono troppo brevi e troppi sono gli ostacoli da superare. La presenza di queste sette religiose rende il tutto più difficile. Parlano tra loro, complottano tra loro, fanno affari tra loro e si spalleggiano l’un l’altro. Le indagini hanno appurato che il sig Piazzi ha ragione sia correntista e sia come padre, perchè ha perduto su entrambi i fronti? Il diritto alla difesa e alla giustizia appartiene solo ai privilegiati, ai furbi, agli ammanigliati?

 

 

 

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy