Sentenza Tribunale di Ferrara

Il Tribunale di Ferrara nella persona del giudice unico Dott.ssa …

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

nella causa civile di I Grado iscritta al n.

Gli attori hanno promosso il presente giudizio nei confronti di … e della Finanziaria chiedendo accertarsi la nullità o annullarsi il contratto concluso il giorno 11.1.09 tra gli attori e … nonché del contratto concluso il 13.1.09 e del contratto di finanziamento concluso fra gli attori e Finanziaria e condannarsi … alla restituzione della somma di € 4.890,00 oltre interessi e Finanziaria alla restituzione di tutte le somme percepite dagli attori in forza del contratto di finanziamento.

Gli attori affermano di essere stati contattati telefonicamente nel gennaio 2009 dall’incaricato di una società di viaggi denominata … il quale riferiva che in occasione della apertura a Occhiobello di una nuova agenzia ed al fine di acquisire nuovi clienti la società offriva loro gratuitamente una vacanza di una settimana per tre persone, chiedendo loro di recarsi presso un albergo in Occhiobello il giorno succcessivo 11 gennaio 2009. All’incontro veniva spiegato agli attori che la … era in grado di offrire vantaggiose occasioni di viaggio ed in particolare di offrire ai propri associati per ogni anno di iscrizione una settimana di vacanza gratuitamente presso tale … o di effettuare viaggi per soli euro 119,00.
Alle incertezze manifestate dagli attori l’operatore della … replicava suggerendo di prenotare intanto l’offerta, che affermava essere imperdibile e valida per quella sola occasione così da potere usufruire entro un anno di una settimana di vacanza gratis.
Veniva pertanto sottoposto agli attori un documento che, secondo quanto prospettato dal proponente, comportava unicamente la prenotazione alla iscrizione a … a un prezzo promozionale di euro 16.900,00, nonché un appuntamento per il giorno 13 gennaio, nel corso del quale avrebbero ricevuto informazioni più dettagliate sulla offerta; il documento costituiva infatti solo una informale proposta di acquisto priva di effetti se non seguita da una formale conferma da effettuarsi presso la abitazione degli attori, contratto del quale in ogni caso gli attori avrebbero potuto recedere entro 12 mesi, una volta usufruito del soggiorno acquistato.
I clienti sottoscrivevano pertanto il documento.


Nel merito deve rilevarsi la nullità della proposta dell’11 gennaio 2009 e dell’atto di vendita del 13 gennaio 2009 per indeterminatezza dell’oggetto. … La lettura del testo non consente di comprendere la natura delle prestazioni offerte al cliente ed il corrispettivo preteso, …
Ne consegue che il contratto è nullo perché l’oggetto è indeterminato, a norma degli artt. 1346 e 1418 c.c.

La nullità del contratto con … si ripercuote sul contratto di finanziamento.
Si ricorda che la sottoscrizione del contratto di finanziamento è avvenuta per mezzo dell’incaricato della … che ha sottoposto agli attori il contratto di vendita.

Il fenomeno del collegamento negoziale è stato recepito dalla legislazione recente.

L’abrogazione della disposizione invocata dalla convenuta comporta che alla declaratoria di nullità del contratto di vendita si accompagni la nullità del contratto collegato di finanziamento.
Deve essere per l’effetto accolta la domanda restitutoria formulata dagli attori nei confronti delle due convenute.

Le spese di lite seguono la soccombenza.

P.Q.M.

Il Giudice, definitivamente decidendo, nella causa RG 2574/… promossa da … nei confronti della Finanziaria e di … in accoglimento della domanda attorea
-Dichiara la nullità della proposta di acquisto …;
-condanna … a restituire agli attori euro 4.890,00 oltre interessi legali dalla domanda al saldo;
-condanna la Finanziaria a restituire agli attori tutte le somme percepite in forza del contratto di finanziamento;

-condanna i convenuti in solido a rifondere in favore degli attori le spese di lite liquidate in euro 248,70 per anticipazioni, euro 2110,00 per onorari euro 1756,00 per diritti oltre spese generali, IVA e CPA

Lascia un commento