Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Settembre nero per i contribuenti con 371 adempimenti fiscali

entratel

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Il mese di settembre vede 371 appuntamenti con l’Agenzia delle Entrate. 307 versamenti, 17 dichiarazioni, 19 comunicazioni, 3 adempimenti contabili, 18 ravvedimenti e 7 varie ed eventuali. Il Fisco amico hanno osato chiamarlo. Martedì 16 settembre abbiamo 206 scadenze, 205 sono versamenti. Venerdì 19 bisogna inviare il modello 770per l’anno 2013 a seguire il modello Unico e Irap e per finire la Tasi, la Tari. I sindacati non reagiscono, imprese e famiglie vedono profilarsi lo spettro del default privato. Partono le telefonate, si fanno forza tra di loro e tra loro studiano una contestazione di massa: cosa fare? Si domandano. Ogni famiglia dovrà versare allo Stato solo per il mese di settembre circa 600 euro tra imposte dirette e indirette. Se il capo famiglia è un piccolo imprenditore la cifra da sborsare sale fino a 1800 euro e solo per settembre. Poi inizia la scuola, la spesa da fare, le bollette da pagare, soldi che non ci sono. Per circa l’83% dei contribuenti bisogna aggiungere le rate di Equitalia. ( I dati sono stati elaborati dal Centro Studi Anticrisi ).

«Ci chiedono di intervenire, di salvarli dal fallimento – commenta il presidente di Federcontribuenti, Paccagnella -, cosa dovremmo dirgli che non è stato già detto? Oltre ad affermare che stiamo eludendo ogni articolo della Costituzione? Ricordiamo che si tratta a tutti gli effetti di una Legge della Repubblica italiana, la Carta Costituzionale, e il governo ne sta violando i principi fondanti». Nel 2011 avevamo l’Ici a 9,2 miliardi di euro, siamo finiti nel 2014 a pagarne 28 miliardi tra Imu e Tasi. I governi Monti – Letta – Renzi hanno alzato di mille miliardi il peso fiscale sul patrimonio immobiliare degli italiani defraudandolo. « Non aspetteremo i mille giorni di Renzi, non ce lo possiamo permettere. In realtà lo sciopero fiscale è già iniziato, con la delocalizzazione delle imprese, con i patrimoni volati oltre confine, con la disoccupazione, con chi si spoglia dei beni. Il governo sarà l’ultimo ad accorgersi del mostro che ha creato, quando cioè vedrà le entrate calate fino all’osso. Ma sarà troppo tardi. Questi geni che hanno effettuato tagli lineari per venti miliardi, senza tra l’altro eliminare gli sprechi, per il rientro del deficit hanno, di fatto, abbattuto il Pil».

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy