Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Alla Corte Costituzionale:”discriminatorio è tagliare la salute ai malati Sla, non gli stipendi ai manager”

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

” Ci aspettiamo un intervento anche del Senatore Marco Stradiotto sul caso del taglio dei fondi degli non autosufficienti, battaglia che sta portando avanti il comitato 16 novembre e noi di Federcontribuenti, contro la sentenza della Corte Costituzionale, ove non è costituzionale il taglio degli stipendi di dirigenti e manager pubblici, ma sembra invece che il taglio dei fondi per la non autosufficienza sia costituzionale. A lei la parola onorevole ”

Eutanasia di massa, questa sarà la conseguenza dell’illogica decisione di Monti e del ministro Grilli nel non dare i fondi già destinati ai disabili gravi. Il contenuto della lettera promossa dalla Federcontribuenti e inviata alla Corte Costituzionale: Illustrissima Corte, in virtù della vostra decisione di bocciare la Corte dei Conti sul taglio degli stipendi dei manager pubblici da oltre 150 milioni di euro l’anno, definita da voi incostituzionale, vi si chiede con urgenza di bocciare la decisione di questo governo di tagliare i fondi per i malati Sla in quanto decisamente più discriminatoria del taglio agli stipendi dei dirigenti pubblici. La decurtazione del 5% poteva servire per aver salva la salute di queste persone?

“Il Comitato aspetterà il 20 novembre, se non avremmo risposte 100 malati riprenderanno la protesta con azioni eclatanti ed estreme”. È quanto si legge in una nota del Comitato 16 Novembre, l’associazione dei malati di Sla che la scorsa settimana avevano messo in atto uno sciopero della fame per protestare contro i tagli del Governo Monti. Azione che i malati sono pronti a replicare se le rassicurazioni che il ministro della Salute, Renato Balduzzi, e il ministro del Lavoro e del Welfare, Elsa Fornero, hanno dato loro nel corso di un incontro svolto il 31 ottobre non si materializzeranno in fondi sicuri per la Sla.

Al centro della protesta c’è il trasferimento, stabilito dalla spending review, di 658 milioni per il 2013 destinati ai disabili gravi nel fondo gestito dalla Presidenza del Consiglio per finanziare attività non meglio identificate rientranti in aree come scuola, famiglia e sociale. I malati rivoglio indietro i loro fondi, o almeno parte di essi.

Balduzzi e Fornero hanno chiesto al Comitato 20 giorni di tempo per produrre atti. E il Comitato si è detto “certo dell’impegno dei Ministri, che hanno piena fiducia”. Ma le notizie che arrivano dall’ultimo Consiglio dei Ministri non fanno ben sperare. Balduzzi e Fornero avrebbero in effetti presentato le richieste dei malati e insistito perché fosse trovata una soluzione. Ma a quanto riferiscono le indiscrezioni di stampa, il premier Mario Monti e il ministro per l’Economia, Vittorio Grilli, avrebbero risposto negativamente.

“La posizione dei Ministri è semplice”, spiegava la nota del Comitato dopo l’incontro del 31 ottobre scorso con Balduzzi e Fornero. Lo stesso articolo della spending review (art. 23, comma 8) stabilisce che quei 658 milioni debbano essere utilizzati “in via prevalente per l’incremento della dotazione del Fondo di cui all’articolo 1, comma 1264, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, finalizzato al finanziamento dell’assistenza domiciliare prioritariamente nei confronti delle persone gravemente non autosufficienti, inclusi i malati di sclerosi laterale amiotrofica”. “In italiano prevalente di 658 è almeno 330, si evince che saranno stanziati 350 milioni”. Il compito di Fornero e Balduzzi sarebbe dunque quello di convincere il Governo ad emendare il disegno di legge di Stabilità prevedendo che 350 milioni dei 900 del Fondo cosiddetto “Catricalà” sono per la non autosufficienza.

Non resta che aspettare il 20 novembre per sapere se Balduzzi e Fornero riusciranno a convincere Monti e Grilli di questo.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy