Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Basta capitalismo: una legge per il riconoscimento internazionale della manodopera

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

schiavismo - sfruttamentoSono 880mila in Europa gli uomini e le donne maltrattati, schiavizzati o oggetto di vessazione. Il capitalismo, ogni anno, guadagna al netto, 20 trilioni di dollari. Quando si grida alle borse che crollano, ai miliardi di dollari bruciati, quasi fossero andati persi, è una mezza verità, anzi, è una falsità bella e buona. Il rapporto tra giorni di perdita e giorni di guadagno è di 1 a 30. Un giorno di perdita davanti a 30 di guadagno. Le multinazionali, che hanno in pugno tutti gli Stati del mondo, accumulano quotidianamente ricchezze da favola.

In Italia sono piu’ di 1 su 20 in Italia i minori di 16 anni (5,2% del totale nella fascia 7-15 anni) che lavorano. Tra i 260.000 pre-adolescenti ‘costretti’ a lavorare, sono 30.000 i 14-15enni a rischio di sfruttamento che fanno un lavoro pericoloso per la loro salute, sicurezza o integrita’ morale.

Il valore della manodopera.

Quanto vale un’ora di lavoro nei campi, in una fabbrica o in un cantiere.

Perchè questa ora di lavoro deve avere un diverso riconoscimento tra i diversi Stati.

Perchè la fatica di un nero deve valere meno della fatica di un bianco e perchè la fatica di un italiano diventa tanto gravosa da mettere in fuga fabbriche e grandi aziende.

Le produzioni italiane non più sostenibili saranno delocalizzate in Paesi a miglior costo, anzi, in quei Paesi dove un’ora di lavoro vale poco quanto la vita dell’operaio stesso.

Le multinazionali, le lobbies di potere, gruppi che si nutrono avidamente della mancanza di una politica di tutela, colonizzatori delle terre più fertili ma più deboli, guadagnano ogni giorno oceani di soldi sulla pelle di uomini, donne e bambini.

Basti pensare che il 70% dei fondi europei vengono destinati all’agricoltura e noi abbiamo distese di terre dove la speculazione sugli uomini è arrivata ad un punto tale da renderci assassini. Dove vanno questi soldi? Non agli agricoltori, spesso obbligati ad una vita lavoratrice da latitante, vanno alle multinazionali. Tutto è legato a doppio filo: il guadagno dei gruppi di potere, una politica complice omertosa e la nostra crisi economica. Distrazione di denaro, interi capitali trasferiti dove rendono di più e più in fretta. Per quel che ci riguarda un nero vale quanto un bianco e quanto un giallo e che sia caucasico, asiatico, africano non fa alcuna differenza. Un minatore, un contadino e un operaio hanno diritto al riconoscimento per legge della propria ora di lavoro: per combattere lo schiavismo, la speculazione come l’impoverimento di uno Stato per arricchirne un altro.

Questioni che una società civile deve affrontare e chiediamo che Flavio Zanonato, ministro dello Sviluppo Economico, si faccia promotore in Parlamento Europeo per inserire nella borsa internazionale delle materie prime il valore della manodopera. Così non ci saranno più le differenze attuali del costo delle produzioni e chi non aderirà a questi listini dovrà essere estromesso dal mercato comune mondiale per concorrenza scorretta. E se necessario, imporre un costo minimo fisso per la manodopera, così da colpire quelle aziende, soprattutto grandi multinazionali, che nel nome di maggiori guadagni, utilizzano, per produrre, manodopera nei paesi dove diritti ed uguaglianza non sono riconosciuti, anche, in quei Paesi occidentali che li hanno dimenticati.

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy