Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Equitalia. Su intimazione di pagamento di 81 mila euro il giudice ne cancella 78 mila

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Equitalia invia intimazione di pagamento pari a euro 81.119,90, il giudice accoglie il ricorso e dichiara nulli i debiti per 78.685,28 euro. Federcontribuenti: Equitalia insiste ad inviare intimazioni per debiti decaduti o prescritti o non notificati e puntualmente i giudici gli danno torto.

A fronte di una intimazione di pagamento pari a euro 81.119,90 il contribuente dovrà pagarne soli 2,434,62. La sentenza è dello scorso aprile 2017 ( n. 70/2017 RG n. 707/2015 ) ed è del Tribunale di Spoleto Sezione Lavoro.

Un caso complesso perchè si è ricorsi contro una Intimazione di Pagamento emessa sul calcolo di più cartelle per debiti verso diversi Enti; è stato bravo il contribuente che ha deciso di non soccombere e l’avvocato della Federcontribuenti, Fortunato Forcellino ormai un guru nella tutela dei contribuenti da Equitalia assistito dall’avv Ciurnelli.

Il fatto.

Il sig. O. G. riceveva a mezzo pec la notifica di una intimazione di pagamento in data 19.10.2015 rivoltosi all’avv. Forcellino sono emersi elementi per presentare ricorso: ”per prima cosa ho richiesto un contraddittorio con le amministrazioni interessate considerata l’illegittimità della intimazione di pagamento riferita ad una pluralità di cartelle esattoriali ed un avviso di addebito afferenti pretese contributive eterogenee”.

Più in particolare l’illegittimità dell’intimazione di pagamento nasce ”dalla inesistenza o nullità della notifica non essendo state rispettate le procedure di notifica a mezzo PEC. Oltre a sottolineare come fosse decorso il termine quinquennale di prescrizione e, per l’altro, che in alcuni casi i crediti contributivi sarebbero prescritti anche ove si ritenesse applicabile il termine decennale di prescrizione”.

Un’altra questione, sempre la solita, che l’avv. Forcellino ha sottolineato riguarda la contestazione sulla ” fondatezza della somma anche in relazione alla omessa spiegazione del calcolo degli

interessi di mora, rilevando che la – cripticità del conteggio – incide sulla motivazione delle cartelle di pagamento, da ritenersi pertanto nulle per difetto di motivazione”.

Il giudice ha accolto il ricorso accogliendo le contestazioni dell’avv. Forcellino.

Conclusioni

Federcontribuenti: ”molti contribuenti si sono rivolti e si rivolgono a commercialisti o centri Caf per vedersi risolvere il problema con le cartelle esattoriali, ma – è bene ricordare – che entrambe le figure possono aiutare il contribuente nella richiesta di una rateizzazione, non di certo potranno vedersi tutelare e rappresentare legalmente, venendo così condannate al pagamento anche di debiti che in realtà sarebbero ormai illegittimi”.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy