Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Jobs Act di Renzi. Non basta il lancio pubblicitario

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

lavoroLa proposta del Jobs Act di Renzi è inattuabile senza una seria riforma fiscaleRenzi, il 46,2% del costo di un lavoratore in Italia sono imposte. A chi conviene assumere? La media dei paesi Ocse è al 35%. Una seria riforma del lavoro e del contratto nazionale del lavoro, va accompagnata da un’altrettanta seria riforma fiscale, i due aspetti sono inscindibili. Giusto quindi eliminare la precarietà, dare la certezza al lavoratore di un reddito fisso sul quale progettare la propria vita, la famiglia, l’acquisto di una casa o di un’auto, ma come invogliare il datore di lavoro ad assumere? 

«Stranamente i lavoratori in Italia non sono tutti uguali, ogni professione, pubblica o privata, ha un diverso inquadramento fiscale e un diverso contratto di lavoro e questo genera disparità e discriminazione dentro lo stesso ceto sociale. Inoltre l’aspetto fiscale gioca un ruolo primario nel rilancio occupazionale e forse, da parte di Renzi, sarebbe stato preferibile ascoltare teorie tipo, abbattiamo di 10 punti il costo di un lavoratore all’azienda e non niente tutela dell’articolo 18 che tra l’altro non è valido per molte categorie di lavoratori».

Lo statuto dei lavoratori è quindi una conquista che non si deve né disattendere e né, tanto meno, congelare, «il rilancio occupazione è un tema scottante, senza occupazione non c’è crescita e senza reddito non si pagano tasse. Insomma, le riforme si fanno guardando la società e non ascoltando le teorie di grandi imprenditori che mai nella vita hanno dovuto sudarsi uno stipendio e la riforma del contratto nazionale del lavoro non può non contemplare un aspetto decisivo: a che punto sono gli stipendi con il caro vita?». Tutto ruota attorno ai tagli da attuare, sul dove trovare i fondi per sostenere una politica di ridistribuzione del benessere, «la sinistra non taglia per non intaccare il suo bacino di consensi politici, la destra fa lo stesso e noi ci litighiamo le bricioline. Una volta i consensi si trovavano non nei salotti o negli uffici, ma in strada, dando ai cittadini ciò che volevano, diritti. Ecco di cosa si dovrebbe occupare Renzi, se vuole davvero diventare il traghettatore, anzi, l’esorcista della sinistra, di attaccare il favoritismo e resuscitare i diritti».

Occorre eliminare le diverse categorie, i lavoratori sono tutti uguali e devono godere degli stessi diritti e possibilità, inoltre, eliminando le diverse gestioni si eliminato gli enti che gestiscono tutte queste categorie e da questo si trovano i fondi per la riforma fiscale.

C’è da dire che Renzi non ci sembra capace di esorcizzare il demonio da dentro la sinistra.

Alcuni punti della proposta di riforma del lavoro ideata dal centro studi di Federcontribuenti:

Eliminata la cassa integrazione, estendere a tutte le aziende, al di la del numero di dipendenti e a patto l’azienda non disponga di altri impianti, la possibilità, davanti la comprovata difficoltà economica, di un temporaneo blocco delle scadenze fiscali, senza il rischio di aggravi, a patto si mantenga inalterato il numero di impiegati.

Accesso facile e al costo degli interessi indicati dalla BCE, per i prestiti richiesti per fare impresa quando previste assunzioni immediate.

 

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy