Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Sindacati. La base è furente

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

 

 

sindacati1Il dilagare della richiesta di sussidi di disoccupazione e mobilità, la cassa integrazione, non sarà tutta colpa dei sindacati? Cisl, Uil, Cigl, le loro basi sono nere di rabbia e con ragione.
Attualmente abbiamo lavoratori messi in cassa integrazione ma che continuano a lavorare nello stesso luogo: l’azienda paga lo stipendio al suo dipendente con i soldi di tutti gli italiani, aggiungendo la differenza. E per chi la cassa integrazione non l’ha? Si arrangino è il motto dei sindacalisti. 

Le segreterie sindacaliste non si sono opposte allo sfacelo, anzi, banchettano con i carnefici dei lavoratori. Poco importa se preferiscono dare la colpa al carico fiscale che non ci rende competitivi, che alimenta la delocalizzazione, la verità è che oltre alle chiacchiere null’altro hanno fatto.
A metterli tutti in piazza non un lavoratore alzerebbe la mano in loro difesa.
Cosa fare? La base può e deve insorgere, facendo autogestione, rimettendo le tessere sindacali.
Il contratto nazionale del lavoro aspetta una riforma che mai arriverà se non la si pretenderà.
Non mancano le idee, ma resta più comodo spartirsi ciò che resta senza mettersi li a discutere con chi ci regala qualche privilegio, qualche euro.
Il punto è, abbiamo davvero bisogno di fare affari con la Fiat e le altre blasonate?
No, secondo noi no.
Il nostro intento è tornare a produrre con o senza di loro.
Aiutare le imprese e le fabbriche a nascere e crescere ritrovando le nostre eccellenze e con un nuovo contratto di lavoro nazionale che faccia da base a chiunque intenda venire in Italia a fare impresa e profitti sulla pelle dei nostri lavoratori.
Vogliamo la giusta indipendenza da chi ci impone giornate massacranti e con poco guadagno.
La stessa Confindustria sta tradendo la fiducia delle sue piccole imprese in favore di corporazioni che schiacciano il nostro diritto di essere indipendenti.
Quale è lo scopo? Metterci tutti dentro una grande corporazione e tenerci ai loro ordini?
Ogni categoria di lavoratore, statale, privato, precario o a tempo indeterminato deve avere un unico contratto di lavoro nazionale certificato dallo Stato con un minimo insindacabile pari a euro 1.200 mensili al netto delle tasse. Questo si rende possibile inserendo nel mercato del lavoro il concetto di costo minimo della manodopera esente tasse.

 

 

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy