Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

In tanti parlano e denunciano, in 4 decidono: i conti non tornano

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

«La somministrazione di dosi crescenti di austerità e rigore, in assenza di una rete protettiva di coordinamento e di solidarietà, e soprattutto se incentrata sull’aumento del prelievo fiscale, si rivela, alla prova dei fatti, una terapia molto costosa e in parte inefficace».

Giampaolino, presidente della Corte dei Conti, che definisce questo precario momento economico, un ” corto circuito fra crescita e tasse ”.  Secondo la Corte dei Conti, il governo tecnico, nel cercare di porre rimedio al debito pubblico, ha costretto la classe sociale a mettersi a dieta costringendola a sacrifici che non solo non hanno portato migliorie all’Erario, ma,  ha portato a degli «effetti perversi di un corto circuito tra inasprimenti fiscali e crescita
economica.  Ha impedito di conseguire gli obiettivi di entrata, nonostante gli aumenti discrezionali di imposte con cui il governo ha cercato di compensare la ciclicità del gettito fiscale». Niente di nuovo quindi, cose dette e ridette ad un governo sordo e indifferente.   Secondo la magistratura contabile dal lato della spesa ‘«si rilevano maggiori uscite al netto degli interessi per oltre 2 miliardi».  Grande preoccupazione per la svendita del patrimonio pubblico:
«particolare attenzione dovrà essere posta alla previsione di meccanismi incentivanti e sanzionatori per la gestione delle partecipazioni azionarie in società degli enti locali in crisi, per facilitare da un lato la gestione di eventuali esuberi occupazionali e dall’altro i processi di dismissione evitando che questi si traducano in svendite del patrimonio pubblico». «Nel 2013 si registrano minori entrate complessive  per oltre 21 miliardi rispetto a quelle previste. Di questi poco più di 6,5 miliardi sono riconducibili al superamento dei previsti incrementi dell’Iva (almeno fino al giugno 2013), ma la flessione delle imposte dirette (-7,4 miliardi) e dei contributi sociali (-2,3) è da imputare a una caduta del Pil molto superiore al previsto».  Interessante sarebbe conoscere, voce per voce, il bilancio dello Stato, oltre che conoscere, finalmente, il lavoro svolto dai ” ragionieri di Stato ”.  Concordiamo con Squinzi di Confindustria: con questi presupposti, un rilancio dell’economia, una ripresa reale dei consumi,  è impensabile.

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy