Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Minori, è allarme sociale

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Finalmente LiberiSiamo partiti dal trattare singoli casi per poi renderci conto che, in Italia, il sistema legato agli affidi e alla sottrazione di minori, contiene gravi anomalie ed errori tali da dar vita a veri abusi ed ingiustizie. Abbiamo sentito la necessità di comparare le varie storie, approfondire il sistema che parte da una segnalazione e termina con la sottrazione, spesso con la forza, dei bambini alla propria casa e famiglia. Siamo partiti dalla sproporzionata spesa, valutata da noi attorno i 2 miliardi di euro, che è il costo di tutti i bambini tenuti nelle casa famiglie o comunità. Questo dato lo abbiamo ricostruito dalle voci di spesa dei comuni, province, regioni e tribunali dei minori. L’Unione Europea ha riconosciuto che il costo congruo per il mantenimento di un minore affidato è di 58 euro/giorno, mentre in Italia abbiamo trovato voci di spesa in alcuni istituti di oltre 400 euro/giorno per bimbo. Abbiamo un tasso di conflitto di interesse nel diritto minorile spaventoso: giudici, assistenti sociali, periti per la valutazione facenti parte a vario titolo nei cda delle case famiglie. Mentre nel diritto civile e penale è previsto un processo democratico dove la certezza della colpevolezza giunge dopo tre gradi di giudizio, nel diritto minorile mancano il dibattimento, la possibilità di produrre prove a discolpa dei genitori finiti nella morsa degli assistenti sociali e un genitore viene ritenuto colpevole ben prima del processo e da una sola relazione dell’operatore sociale. Non si ascoltano i testimoni, non si ascoltano i parenti stretti del bambino. Troppo spesso capita che alla prima udienza le parti non abbiano nemmeno visto i rapporti dei servizi sociali e il giudice prende le sue decisioni provvisorie senza che le parti possano opporsi. Decisione provvisoria che non e’ impugnabile e dura nel tempo: mesi o anche anni. Un sistema che coinvolge tutta la Nazione e che opera sotto l’autorizzazione dello Stato. Abbiamo casi di bambini tolti perchè i genitori o uno dei due hanno momentanea difficoltà di salute o economica; davvero è meglio togliere i bambini ai propri genitori? Non sarebbe il caso di dare sostegno e aiuto a questi genitori e accompagnarli nella crescita e educazione dei bambini? Abbiamo madri a cui hanno tolto il bambino dopo aver denunciato per violenza i compagni, madri che si son viste togliere il figlio appena nato perchè cadute in depressione post parto! In alcuni dei rapporti degli assistenti sociali si legge di ” la casa era in disordine ”, case “troppo piccole”: una donna sola che chiede aiuto ai servizi sociali corre dei rischi gravissimi”. I servizi sociali potevano essere utilissimi se si fosse definito il loro compito. Dovevano monitorare le situazioni e non esprimere giudizi. Queste figure non riferiscono ma sentenziano spesso scrivendo veri obbrobri. Senza parlare del modo che hanno di rapportarsi ai genitori a cui hanno tolto dei figli: questi denunciano violenza psicologia, arroganza e prepotenza e spesso situazioni intimidatorie e ricattatorie. I giudici sono in affanno, non leggono che poche righe delle varie relazioni e in base a queste condannano bambini e genitori. I casi vengono rivisti dopo un anno e di solito si proroga all’infinito! Parlaimo di figli tolti ai genitori!

Su 100 bambini sottratti ai genitori solo 3 o 4 provengono da famiglie o situazioni violente e pericolose. Le famiglie più a rischio sono quelle più deboli: la difficoltà economica può dar vita ad una segnalazione, questo significa mettere sotto attenzione e vigilanza l’intero nucleo familiare. Ogni parola, gesto viene attenzionato. Un atteggiamento ritenuto non consono a scuola, una parolaccia, qualche spinta di troppo, un disegno angosciante, può far partire una segnalazione come un pugno sul tavolo sbattuto dal papà o dalla mamma. Un atteggiamento ribelle, la difficoltà nel leggere o nell’esprimersi correttamente, anche se parliamo di un bambino molto piccolo, può richiamare l’attenzione degli assistenti sociali. Attenzione, non si intende mettere sotto accusa tutti gli operatori sociali, o i giudici ma è una verità allarmante quella che emerge dalle tante, troppe storie che ci vengono presentate sotto forma di gridi di aiuto e di angoscia.

I genitori angosciati sul futuro che li aspetta, sanno di rischiare di perdere i propri figli, vengono mandati da questo o quel psicoterapeuta o psicologo, a loro spese, che li analizza con test privi di valenza scientifica, con domande che mortificano. Questi genitori spesso non sanno dove sono finiti i figli e se lo sanno non possono vederli se non per poche ore al mese e un genitore sottoposto a test psicologici mentre teme per la sorte del proprio figlio non potrà mai essere o apparire lucido, sereno, disposto. Gli avvocati hanno spesso le mani legate, la procedura è esclusivamente burocratica, l’atteggiamento degli operatori è scostante e risulta del tutto assente la politica del rientro in famiglia del minore prelevato con la forza sulla base non di una indagine vera o propria ma di una relazione di una paginetta. Il prelievo forzato di un minore, azione che andrebbe soppesata e rimandata all’infinito quando mancano prove certe a carico della famiglia, diventa la prima cosa che avviene.

Comunicato di Finalmente Liberi,

commissione di inchiesta sugli affidi e sottrazioni,

dipartimento di Federcontribuenti

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy