Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

Tutti i tuoi diritti con un click

Fisco, banche, contratti truffaldini e poi malasanità, malagiustizia. Troppi poveri e troppe ingiustizie. E’ora di rompere le catene!

Silenti Enasarco

Perché chi ha versato anche oltre 15 anni di contributi Enasarco alla fine deve perdere tutto?

Multiproprietà

Se sei proprietario di una multiproprietà o l'hai ereditata e non sai come liberartene contattaci senza impegno.

Banche e Fisco

Problemi bancari o fiscali? Sei pieno di debiti e temi possano portarti via tutto? Contattaci senza impegno e ti aiuteremo!

Acqua, luce, gas e telefonia

Conguagli, costi nascosti, contratti non stipulati o bollette esagerate. Se non sai come difenderti contattaci!

Ingiustizia civile

Se non hai una casa o rischi di perderla, se non hai un lavoro e hai bisogno di aiuto. Mafia, malasanità o qualunque altro problema contattaci!

Disabili gravi: «saremo in sciopero della fame e della sete per la libertà di scelta e una assistenza dignitosa».

Share This Post

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email
Lascdisabili graviiando a chi griderà alla ”speculazione” macerare nella propria ignoranza, richiamiamo all’ordine sia il ministro Saccomanni sia la ministra Lorenzin, ricordando ad entrambi che hanno delle responsabilità oltre che degli obblighi morali e politici. In sospeso ancora la questione dei disabili gravi di Italia ai quali fin ora è stato venduto fumo o promesso riunioni al chiuso inaccettabili.

«La Lorenzin ci risulta essere il ministro della Salute, dunque è il ministro anche degli ammalati e non solo di chi li ha in cura. Non vogliamo dalla stessa né opinioni personali in merito né lezioni di filosofia, vogliamo che agisca nel pieno rispetto dei diritti civili, come dei diritti dell’uomo, dando agli ammalati ogni dignità e possibilità di cura. Non sta a lei decidere della sorte degli ammalati, lei dovrebbe solo far rispettare la legge. Saccomanni invece, vista la copertura finanziaria e i risparmi oggettivi riscontrati dal Comitato 16 Novembre ad avvallare le loro richieste, deve dirlo chiaramente qual è l’impedimento politico a procedere nei loro confronti». Dopo averli costretti più volte a manifestare mettendo a nudo le proprie debolezze, dopo averli costretti al caldo o alla pioggia a sottostare davanti al ministero, dopo averli indotti con la propria malattia ad arrivare ad uno sciopero della fame e della sete, dopo che Raffaele Pennacchio, disabile grave, è morto al ritorno dell’ultima massacrante manifestazione, nuovamente il Comitato 16 Novembre torna sotto il ministero dell’Economia e Finanze il prossimo 20 novembre con il suo carico di respiratori, lettighe, sedie a rotelle e mascherine allo scopo di ottenere ciò che si chiede da anni: ridurre del 25%, pari a 4.500 milioni, i posti letto in Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA) e similari. Tale progetto consentirà il “ritorno a casa” di pazienti che avranno un finanziamento pari al 50% del costo pubblico. Il progetto si attuerà in due anni, 2014/2015, generando risparmi per 2.250 milioni totali, 1.125 milioni l’anno; finanziare i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e relativo nomenclatore tariffario, costo presunto 800 milioni; portare il Fondo Non Autosufficienza (FNA) a 600 milioni, riservare il 50% ai gravissimi. L’importo verrà utilizzato prioritariamente per consentire ai pazienti di “restare a casa”; il 25% del finanziamento verrà erogato come contributo caregiver; tutti i contributi dovranno essere esenti ISEE in quanto prestazioni assistenziali; riconoscimento dell’invalidità al 100% e dell’indennità di accompagnamento in presenza di diagnosi conclamate tipo SLA o SMA1.
Fa sapere il Comitato: «
saremo in sciopero della fame e della sete e andremo ad oltranza fino all’ottenimento di ciò che è un nostro diritto: libertà di scelta e assistenza dignitosa».

Conclude Paccagnella di Federcontribuenti: «Solo in uno Stato come l’Italia, ove la democrazia non è più il farò guida, le persone non autosufficienti gravissime, sono costrette ad andare davanti a un palazzaccio a chiedere i propri diritti! Ricordiamo a lor signori, che nel caso dovesse verificarsi un altro decesso, durante la protesta, attribuiremo la responsabilità ai ministri competenti con la correità di tutto il governo!»

 

Non perderti i nostri comunicati

Un consumatore informato è un consumatore tutelato

Le altre notizie

Qualunque sia il tuo problema noi possiamo aiutarti

Bonus 110%, fotovoltaico e impianti di depurazione domestica sono le truffe del momento. Fai attenzione e chiamaci se hai un dubbio!

© 2021 Tutti i diritti riservati - FEDERCONTRIBUENTI Federazione Italiana a tutela dei contribuenti e dei consumatori. Privacy & Cookie Policy